Cerca

Ucciso cooperante italiano Grave una religiosa

Burundi: attacco di uomini armati contro la missione nella località di Ngozi: il cooperante è stato prima sequestrato poi ammazzato

Ucciso cooperante italiano Grave una religiosa
Il volontario italiano, Francesco Bazzani, dell'associazione Ascom di Legnago (Verona) è  stato ucciso a bruciapelo da due uomini armati, che prima di lui avevano ammazzato una suora croata, madre Lukrecija Mamic. A riferire i dettagli dell'attacco alla missione italiana, avvenuto ieri a Kiremba, nel nord-ovest del Burundi, è padre Michele Tognazzi, missionario Fidei donum raggiunto telefonicamente a Kiremba dalla Misna. Un'altra suora, l'italiana Carla Brianza originaria della provincia di Brescia, è stata ferita alle mani ed è fuori pericolo.

 La dinamica  -  "Due uomini armati sono entrati nella casa delle Ancelle della Carità, la congregazione delle due suore, con lo scopo di mettere a   segno una rapina - dice alla Misma padre Michele - hanno subito ucciso  la suora croata, quindi si sono impossessati dell'auto e sono fuggiti trascinando a bordo suor Carla e Francesco, volontario  dell'associazione Ascom di Legnago, in provincia di Verona". A circa   otto chilometri dall'ospedale, un complesso all'interno del quale si trova la casa delle Ancelle della carità, i malviventi temendo di essere catturati dalla polizia che li stava inseguendo hanno fermato  l'auto e fatto scendere i due ostaggi.

 "Francesco è stato ucciso a bruciapelo - prosegue padre Michele  - suor Carla è riuscita invece ad afferrare con le mani la canna del   fucile che gli era stato puntato contro. Un gesto che ha recuperato secondi preziosi e ha contribuito a salvarle la vita, perchè a quel   punto l'aggressore per liberarsi dalla presa ha usato un coltello colpendole le mani e allontanandosi quindi insieme al complice". Le   vittime lavoravano all'ospedale di Kiremba che è finanziato dalla diocesi di Brescia. Bazzani si occupava in particolare del settore   amministrativo. I malviventi, dicono alla Misma, sono riusciti a fuggire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Satanasso

    10 Settembre 2014 - 07:07

    Fare del bene in Italia no eh ? allora crepate !!!

    Report

    Rispondi

  • Gastone Casali

    28 Novembre 2011 - 10:10

    Mi dispiace molto per il cooperante ucciso ma,spesso e volentieri queste Ong. dette Umanitarie,di Umanità hanno ben poco.Molto attente a rinnovare fuoristrada e ad avere la tavola sempre super imbandita.Una marea di fondi prende strade......secondarie e, la povera gente,aspetta gli aiuti.Collaboratori locali pagati pochissimo e gli espatriati con un buon salario.Io sono stato in Uganda,Chad e Congo e provo ancora vergogna per quello che ho visto e toccato con mano.Gastone Casali.Ravenna.

    Report

    Rispondi

blog