Cerca

Poliziotti nei cantieri Tav ancora con la divisa estiva

Protestano gli agenti impegnati nei cantieri in Val di Susa dove fa meno 2. "Non ci sono i soldi per i vestiti invernali. Pronti a mobilitarci""

 Poliziotti nei cantieri Tav ancora con la divisa estiva

In Val di Susa il clima è surriscaldato, si sa. Ma lasciare le forze dell'ordine impegnate a proteggere i cantieri della Tav con le divise estive è sicuramente troppo. Anche perchè lassù fa già molto freddo: le temperature hanno fatto già registrare meno 2. "Questo perchè non ci sono soldi per comprare le divise invernali - denuncia Massimo Montebove, consigliere nazionale del sindacato di polizia Sap. Non solo. "Da luglio non sono pagati straordinari e indennità. Una vergogna perchè si tratta di uomini e donne impiegati spesso per 12/14 ore di seguito, che rischiano la vita perchè e che vivono giorni e giorni lontani dalle proprie famiglie". Ecco allora l'appello al prefetto e al questore affinchè "facciano sentire con forza la loro voce presso il Dipartimento di pubblica sicurezza per tutelare i poliziotti, a partire dai colleghi del reparto mobile di Torino- spiega Montebove - Nei prossimi giorni   porremo la questione direttamente al neo ministro Cancellieri.   Accogliendo le nostre richieste, il Viminale ha concesso il riconoscimento di un nastrino e di un attestato al personale lungamente impegnato in ordine pubblico. Un'ottima cosa. Ma bisogna trovare i soldi per le divise invernali e per gli straordinari".
"Se qualcuno pensa di far passare al freddo e al gelo Natale e Capodanno in Valdisusa ai nostri operatori - conclude il sindacalista - si sbaglia di grosso. Siamo pronti a iniziative di protesta clamorose, a partire da Torino".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • graziella

    01 Dicembre 2011 - 10:10

    ..e non dimentichiamo tutti gli altri sprechi che ormai solo a nominarli ci danno la nausea, io manderei un pò di Onorevoli a presidiare i cantieri, ma in mutande tanto per dargli un'assaggio di come ci sentiremo noi tra un pò. Hanno ragione a mobilitarsi le forze dell'ordine, i carabinieri, la polizia, sono gli unici che veramente stanno dalla parte dei cittadini ed hanno stipendi da fame per quello che rischiano e che fanno, ma i privilegi si sa ..hanno l'indirizzo di posta prioritaria solo e sempre nella stessa direzione : uno schifo!

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    29 Novembre 2011 - 20:08

    i soldi per alloggiare eserciti di straccioni africani finti profughi in albergo e pagargli vitto, vizietti, diarie... quelli non mancano mai. E non dimentichiamo le montagne di soldi bruciati per gli aiuti ai rom. Che mondo alla rovescia.

    Report

    Rispondi

blog