Cerca

Violentò e uccise Federica, solo 17 anni di carcere

"El Gordo" ha ammazzato la ragazza mentre era in vacanza a Lloret de Mar. Il tribunale spagnolo gli ha concesso le attenuanti

Violentò e uccise Federica, solo 17 anni di carcere

La famiglia di Federica Squarise non ci sta. La loro figlia è stata ammazzata senza pietà dopo essere stata violentata mentre era in vacanza a Lloret de Mar in Spagna nell’estate  del 2008 da un barista uruguaiano, Victor Silva Diaza, soprannominato  "El Gordo". L'uomo è stato condannato dal tribunale spagnolo a 17 anni e 9 mesi di reclusione. Pochi, troppo pochi per la famiglia della giovane veneta. Il 'Gordò è stato condannato per abuso sessuale e per omicidio  volontario, al risarcimento di 160mila euro ai genitori della vittima, ma gli è stata concessa l'attenuante della collaborazione.
"Faremo ricorso in Cassazione", ha annunciato l'avvocato Agnese Usai,legale della famiglia Squarise. "Ci ha stupito il fatto che gli sia stata concessa l’attenuante della collaborazione - prosegue il legale - Era inizialmente scappato,  si era fatto aiutare. Noi abbiamo sempre sostenuto che quelli non   erano certo requisiti di una collaborazione: è vero che ha confessato  ma solo quando è stato preso". Per i giudici invece, spiega il   legale, la confessione è arrivata prima della formale comunicazione del fatto che era indagato. Da qui il riconoscimento dell'attenuante. "Ci aspettavamo di più e avremmo ottenuto una pena più pesante  se non fosse stata applicata l’attenuante della collaborazione -   conclude - Speravamo e confidavamo inoltre che ci fosse la   qualificazione di aggressione sessuale e non dell'abuso", che è meno grave. Anche l'avvocato del 'Gordò, ha riferito Usai, "ha già annunciato che farà ricorso in Cassazione".


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    01 Dicembre 2011 - 13:01

    Federica aveva dato confidenza al sudamericano, cosi come la povera Meredith aveva dato confidenza all'africano Guedé e, probabilmente anche la povera Rita Morelli aveva dato confidenza al suo assassino africano. Il risultato ? stupri ed omicidi Per anni ci hanno ripetuto che non fidarsi di non europei e non bianchi fosse "razzismo" e come invece sia moderno ed alla moda essere "multietnici" Ora che i risultati danno loro torto dove sono questi signori ? Quando pagheranno per i danni che hanno fatto ?

    Report

    Rispondi

  • schnee

    01 Dicembre 2011 - 12:12

    Fosse successo qui, una bella pacca sulle spalle...Suvvia,poverino aveva un pò di coca in circolo e poi lei lo ha provocato, anzi mettiamo le manette a lei in contumacia, o no signori giudici italiani??Qui gli danno 17 anni (leggansi circa 6000 gg di gabbia) e ci restiamo male?Allora c'è un qualcosa che non mi quadra: o sono cattivi i giudici stranieri o siamo un'accozzaglia di mona noi...Propendo per la secenda ipotesi. Ps quantomeno lì non hanno avuto bisogno di Ris..Qui anche da reo confesso si sarebbe salvato, garantito...

    Report

    Rispondi

  • roda41

    01 Dicembre 2011 - 11:11

    avrebbero dato di più?non mi risulta da nessuna parte.aNZI DOPO POCO,STANNO PER STRADA .

    Report

    Rispondi

blog