Cerca

Barilla contro Plasmon: scoppia la guerra per le pappette

Il gruppo parmigiano compra una pagina sui quotidiani contro la rivale che aveva fatto una pubblicità comparativa: "Azione sleale"

Barilla contro Plasmon: scoppia la guerra per le pappette

Continua la guerra delle pappe per bamini. Barilla contro Plasmon, oggi il secondo match. Tutto è iniziato con una pubblicità comparativa su un prodotto per l'infanzia pubblicata della Plasmon apparsa sui quotidiani che il gruppo parmigiano ha definito senza mezzi termini una "azione sleale". A sua volta la Plasmon aveva replicato sostenendo che la propria pubblicità era basata su informazioni «vere, verificabili, complete e basate su dati analitici incontrovertibili». Oggi Barilla risponde alla rivale con una pagina sulla stampa, con scritto a lettere cubitali "Le mamme italiane sanno quello che fanno". Ma Plasmon non demorde e per il secondo giorno di fila ha riacquistato una pagina sui giornali per la sua pubblicità. Una nota della Barilla spiega le ragioni dell'azienda: la pagina "è a difesa dei genitori, che sono attenti e consapevoli dell'impegno di chi lavora ogni giorno per garantire a loro e ai loro   figli prodotti buoni, sani e sicuri". "Da 135 anni Barilla effettua   continui controlli e test - continua la nota - per garantire la   genuinità, la qualità e la sicurezza di ogni prodotto. Il rispetto   per la trasparenza, per l’etica e per il benessere dei consumatori, per Barilla vengono sempre al primo posto"."La fiducia che tantissime mamme ci accordano ogni giorno - prosegue la nota di Barilla - è la diretta dimostrazione che le loro scelte sono fatte con consapevolezza e conoscenza della qualità dei nostri prodotti. Barilla difende la scelta e il diritto delle persone ad avere un'informazione corretta, che non li confonda attraverso la comparazione di prodotti fra loro assolutamente diversi, sviluppati per persone con bisogni differenti".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog