Cerca

Tutti i trucchi della tastiera: come dimezzare le ore d'ufficio

Il computer nasconde un'infinità di trucchi che fanno risparmiare tempo e fatica. Leggi tutti i segreti per esser più veloce

Tutti i trucchi della tastiera: come dimezzare le ore d'ufficio

Sono le 20 e siete ancora in ufficio. Le poste hanno già abbassato le saracinesche da un pezzo, la giacca in tintoria ve la siete già scordata ma forse, se correte, fate ancora in tempo a passare dal supermercato che chiude i battenti tra circa mezz'ora. Riuscirete a portere a casa la cena? Dipende. Non prima di aver trovato, in quel maledetto documento di 100 pagine, quei dati necessari per chiudere la relazione da presentare domani mattina. La cosa potrebbe portarvi via da 20 minuti, con un po' di fortuna, a 2 ore, se malauguratamente la risposta è nelle pagine finali del file. Addio spesa. ...E pensare che basterebbe un click. Ctrl+F e il gioco è fatto. Con questa combinazione potrete immediatamente focalizzare il termine e i passaggi del testo di vostro interesse. Ed eccoli comparire evidenziati nel mastodontico faldone virtuale. Eppure, il 90 per cento delle persone non è a conoscenza di questa scorciatoia come di moltissime altre grazie a cui la tastiera, in alcuni casi, può letterlamente dimezzare i tempi di lavoro.

Trucchi e trucchetti -
E così, oltre a Ctrl+F ci sono un'infinità di altri trucchetti. Oltre agli ormai notissimi Ctrl+C, per copiare il testo selezionato, e Ctrl+V, per incollare il testo selezionato, ci sono anche Ctrl + X, per tagliare l'oggetto selezionato e Ctrl + Z, per annullare l'ultima operazione. Poi: Ctrl + A, per selezionare tutti gli oggetti, Ctrl + N, per aprire una nuova pagina del programma in uso, F5, per aggiornare la pagina, ALT-Home, per andare nella home del browser, o ancora Win-D, per balzare in un battito di ciglia al desktop o Ctrl + G, dopo aver utilizzato Ctrl+F per trovare il successivo e Ctrl + P per lanciare la stampa con un click. Ma questo è solo un assaggio dei mille segreti che nasconde la tastiera.

La ricerca - A sottolineare l'ancora scarsa alfabetizzazione informatica di molti utenti è l'autore della ricerca promossa da Google, Dan Russell, il cui mestiere è proprio quello di studiare gli utenti del serach engine per accontentarli al meglio. Russell insomma si occupa di usabilità e di quello che la gente vuole. "Il mio lavoro è capire quello che la gente fa quando compie ricerche online», spiega Russell che racconta (in un'intervista a New Scientist) di esser rimasto scioccato dalla testimonianza di un autista di autobus che, cercando su un documento un test riguardante un esame che doveva affrontare, dichiarava di essersi letto centinaia di pagine invano. Bene, certo non risolveremo così il problema

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog