Cerca

Se Battisti ci prende per scemi: "In Italia serve un'amnistia"

Il terrorista dall'esilio dorato brasiliano parla ancora: "Voglio girare la pagina del terrorismo". Ma non ha mai pagato

Se Battisti ci prende per scemi: "In Italia serve un'amnistia"

Puntuale come una condanna, a intervalli regolari il terrorista Cesare Battisti torna a farsi sentire dal suo esilio dorato brasiliano. Anche in questo caso si tratta di un'intervista, concessa agli amici francesi di Le Monde: l'ultima volta fu quella grottesca chiacchierata in cui spiegava la sua bella vita tra donne e spiagge a Rio De Janeiro. Battisti si spinge oltre l'impensabile e chiede un'amnistia per riuscire a "girare quella maledetta pagina". Peccato però che le vittime degli omicidi che l'ex membro dei Proletari armati per il comunismo non abbiano la benchè minima intenzione di girare pagina poiché giustizia non è mai stata fatta.

"Ci vuole un'amnistia" - Battisti prosegue: "Cosa vorrei? Una riconciliazione con il popolo italiano. Ci vuole un'amnistia, altri Paesi ci sono riusciti". Così, con l'amnistia, il terrorista sfuggirebbe all'ergastolo a cui è stato condannato in contumacia, mentre era latitante, per aver commesso quattro omicidi negli anni di piombo. La pena, però, Battisti non la dovrà scontare: il brasile guidato allora da Luiz Inàcio Lula da Silva, il 31 dicembre del 2010 negò l'estradizione all'Italia.

"Senza Berlusconi non cambia nulla" - "L'unico desidero oggi - ha continuato Battisti - è girare quella maledetta pagina del terrorismo politico. Ci vorrà ancora tempo. E le dimissioni di Berlusconi non cambieranno niente: resteranno gli stessi partiti e le stesse persone. Mi assume le mie responsabilità politiche e militari - ha aggiunto - ma, attenzione, non ho ucciso nessuno", ha provato ancora a ripetere. Secondo il terrorista il dossier giudiziario sul suo contro resta "cirocondato dal vuoto", mentre la condanna si baserebbe "sulla fede nelle accuse di un solo e unico pentito, Pietro Mutti, il capo del nostro gruppo, che ha collaborato in cambio di una riduzione della pena. E' l'inverso del sistema giuridico italiano".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Barbadifrate

    21 Dicembre 2011 - 08:08

    Lei è un buon profeta, purtroppo. Le cose sono già indirizzate esattamente come da lei descritto. Se poi, alle votazioni dovesse vincere la sinistra, andrebbero a prenderlo con l'aereo presidenziale, come hanno fatto con il criminale turco Ochalan (come diavolo si chiamava).

    Report

    Rispondi

  • Dream

    04 Dicembre 2011 - 15:03

    sai, ho anch'io questo timore: tempo al tempo....

    Report

    Rispondi

  • roda41

    04 Dicembre 2011 - 09:09

    ma cosa può dire,che diritto ha di parlare???Ma perché NON SI IGNORANO???

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    03 Dicembre 2011 - 22:10

    Battisti è giustamente incavolato perchè i suoi ex compagni - di merende e di attentati-sono stati chi liberato, chi amnistiato, chi graziato. Addirittura qualcuno come il Toni Negri portato in parlamento, altri a dare lezioni in giro per le università Italiane, insomma liberi tutti o quasi. Lui dice: perchè io no ? E' una vera ingiustizia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog