Cerca

Erika libera attacca Omar Viscido, sfrutti la mia famiglia

La ragazza condannata a 16 anni per l'omicidio della madre e del fratellino scrive una lettera all'ex fidanzato: spegni i riflettori su di noi

Erika libera attacca Omar Viscido, sfrutti la mia famiglia

«Si vede chiaramente quanto sei viscido e senza dignità usare mia madre e mio fratello per farti popolarità. Per fare dei soldi ti sei fatto fotografare al cimitero da loro, ma non ti vergogni, hai reso un sacco di dichiarazioni false ma non mi stupisce da un vile come te, ma recarti al cimitero e farti fotografare è una cosa da indegno quale tu sei. Ti chiedo per l'ultima volta di smetterla di speculare sulla mia famiglia di certo così non trovi lavoro sempre che tu non voglia fare il Grande Fratello. Mi fai schifo».

È quanto scrive Erika, la ragazza condannata a 16 anni per l'omicidio della madre e del fratellino, in una lettera, pubblicata da 'Qn' e indirizzata a Omar, all'epoca dei fatti suo fidanzato e complice. Sono passati quasi undici anni da quel 21 febbraio 2001, quando nel villino di Novi Ligure, furono trovati i corpi di Susy Cassini, madre di Erika, e del suo fratellino di 12 anni. Erika vive nella comunità Exodus di don Mazzi e sarà presto libera. «Adesso basta - aggiunge Erika - Spero che tu abbia capito che devi vivere senza continuare a legarti alla mia famiglia ma come Omar Favaro. È ora che tu spenga i riflettori su di noi»

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    05 Dicembre 2011 - 18:06

    tutti e due ! e questa si permette pure di sparare sentenze .Lei ha avuto il coraggio di andare sulle tombe di quei poveri disgraziati familiari

    Report

    Rispondi

  • semovente

    05 Dicembre 2011 - 15:03

    Che il ricordo di quella sera in tutta la sua drammaticità vi "accompagni" per tutta la vita.

    Report

    Rispondi

  • schnee

    05 Dicembre 2011 - 13:01

    tra vermi vi capite...In quanto al viscidume, penso ne abbiate da buttare, entrambi... Ps Credo nella redenzione delle persone, ma 10 anni scarsi mi sembrano pochi, dannatamente pochi...

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    05 Dicembre 2011 - 11:11

    Mi pare che qui..non sia cambiato proprio nulla dal momento dell'incredibile, allucinante misfatto...Le teste..patologicamente contorte sino all'inverosimile..paiono sempre le stesse..Sempre immerse in un letamaio intellettivo..senza limiti..e senza logiche spiegazioni...La dignità, la sobrietà, la sensibilità. la pietà...Tutte cose altamente assenti e..sconosciute..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog