Cerca

La sinistra: Via le tv a Berlusconi

Il Fatto e Repubblica lanciano la campagna: "No al beauty contest, vendere le frequenze all'asta". Il tubo catodico, la loro ossessione

La sinistra: Via le tv a Berlusconi

Solita sinistra, solite ossessioni. L'Italia è sull'orlo del baratro, ma a poche ore dal varo della manovra di Mario Monti la campagna che unisce la stampa progressista è la solita: la crociata contro il Cavaliere. Con straordinario tempismo Il Fatto Quotidiano e La Repubblica lanciano la loro campagna: prendono Monti e lo scagliano contro Silvio Berlusconi. Motivo del contendere? L'assegnazione delle frequenze digitali televisive.

Il beauty contest - Il precedente governo aveva deciso di assegnarle secondo il metodo del beauty contest che, spiegato in termini semplici, consiste nell'affidare la risorsa in questione a chi è in grado di valorizzarla nel migliore dei modi sia dal punto di vista economico, sia da quello finanziario. La scelta dei soggetti vincitori a cui è affidata la risorsa al termine del beauty contest viene determinata dalle caratteristiche dei partecipanti alla contesa: chi ha le migliori skills, si aggiudica il pacchetto. E in Italia i due soggetti che nel panorama televisivo meglio di tutti gli altri rispondono ai requisiti di valorizzazione economica e finanziara sono Rai e Mediaset.

La campagna della sinistra - Alla sinistra però non va bene. E così, nei giorni della manovra, della riforma delle pensioni, nelle settimane dominate dalla dittatura dello spread, i quotidiani tornano alla carica. La Repubblica, in un articolo di fondo in prima pagina non firmato, spinge affinché le frequenze vengano assegnate tout-court all'asta, dove valgono circa 14 miliardi di euro. "Monti blocchi subito quella falsa gara gratuita e indichi un'asta regolare, che non regali ma valorizzi le frequenze a vantaggio dei conti pubblici". A fare da megafono al quotidiano di De Benedetti ci si mette Il Fatto Quotidiano, che rincara la dose ipotizzando un patto segreto tra Monti e Berlusconi, ovviamente per favorire il Cavaliere. "Non è per pnsare male - l'articolo riprendere le parole del pasdaran Antonio Di Pietro, leader dell'Idv -, ma non vorrei che questa distrazione non fosse casuale e rispondesse invece a un patto con berlusconi: io vi faccio fare il governo e voi mi continuate a regalare le frequenze". La crociata contro Berlusconi, insomma, non è mai finita, e se ci sono televisioni di mezzo il livello dello scontro è inevitabilmente destinato a salire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    10 Febbraio 2012 - 08:08

    e subito. Quelle di Berlusconi sono private e non si toccano. Giu' le mani, politici papponi di sinistra. Vi mangereste canale 5 in un mese, piu' soldi ci sono e piu' i sinistri si abbuffano come maiali. Pensiamo a Lusi, subito e poi vediamo chi si e' mangiato i soldi nostri, altro che lo splendore delle TV di Berlusconi. Quelle non ve le potete mangiare.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    09 Dicembre 2011 - 14:02

    perché non c'è nessun personaggio dello spettacolo di rilievo, di destra, che sappia intrattenere milioni di spetattori e produca milioni di pubblicità, cara signora

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    08 Dicembre 2011 - 23:11

    E' informato male, le cose che scrive non corrispondono alla verita'.I giornali che legge pubblicano notizie false.

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    08 Dicembre 2011 - 19:07

    Quando Debenedetti si candidera' per fare il presidente del consiglio allora gli chiederemo conto delle sue fortune. C'e' invece un altro che il presidente l'ha fatto per 8 degli ultimi 10 anni e ancora non sappiamo da dove sono arrivati i soldi in contanti e non che hanno rimpinguato le holding fininvest dalla 1 alla 22 negli anni 70-80...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog