Cerca

Appello di un'escort a Monti "Fammi pagare le tasse"

Prostituta scrive una lettera a un quotidiano e consiglia: per far cassa fate emergere il lavoro più antico del mondo

Appello di un'escort a Monti "Fammi pagare le tasse"

"Scrivo questa lettera, che non so se mai verrà presa in considerazione, perché appartengo a una categoria di persone che tanto vorrebbe pagare le tasse, ma che in questo paese non gli viene permesso. Mi chiamo Marina, e sono una escort, termine abusato negli ultimi anni, ma non ho problemi a definirmi orgogliosamente una “puttana”. Comincia così la lettera al Mattino di Marina che racconta la sua storia: "Le difficoltà economiche della mia famiglia, nel corso della mia carriera universitaria, mi hanno spinta verso la prostituzione, quale unica alternativa valida, per continuare gli studi a Roma, lontano da casa ed aiutare la mia stessa famiglia ad uscire dalla grave situazione che stava vivendo. Nel frattempo, mi sono laureata ed ho anche pagato due master col mio lavoro di prostituta, lavoro che non lascio per paura dell’incertezza del futuro, che in questo momento come me riguarda molti cittadini italiani".

L'appello -
Marina chiede di poter pagare solo le tasse: "Scrivo, come accennato prima, perché io, nella mia indiviudalità, mi faccio promotrice di una messaggio molto forte e chiaro, che risuona da anni in Italia, ma che nessuno volutamente ascolta:legalizziamo la prostituzione. Tanti Paesi Civili Europei, lo hanno fatto da anni. In Italia, la legalizzazione della prostituzione, non solo porterebbe tanti milioni se non miliardi di euro nelle casse dello Stato, ma risolverebbe indirettamente anche il problema dello sfruttamento della prostituzione e della tratta di esseri umani dei quali sono vittime numerose ragazze non solo dell’Est Europa, ma anche del Centro Africa e sempre più anche Cinesi. In Italia, negli ultimi 20anni circa davanti ad un problema si è preferito chiudere gli occhi facendo finta che non ci fosse, piuttosto che adottare delle valide strategie per risolverlo. Credo che il Governo Monti debba includere nella sua Manovra sul lavoro, anche la possibilità di legalizzare la Prostituzione, che significa altresì far emergere il “lavoro sommerso” di circa 300.000 individui fra donne/trans/uomini che oltretutto risultano per lo Stato disoccupati. Legiferiamo sulla Prostituzione, fateci pagare le tasse, fateci aiutare il nostro Paese".

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Claudia.esc

    23 Febbraio 2012 - 06:06

    L'articolo è un pò vecchio, ma ciò non credo mi impedisca di concordare con quanto scrive la mia "collega".Sono una escort..non sono né simpatizzante né tantomeno un'iscritta del PD che vive questa realtà per pura scelta, dopo laurea, specializzazione e nessuna storia "lacrimevole" alle spalle.Ho scelto il mestiere più antico del mondo (perchè alla fine, per quanto ci si voglia girare intorno, escort sì ma pur sempre "puttane"..se pur con peculiarità che ci differenziano nel modus lavorandi), beh?! Non guadagno cifre "esorbitanti" come si può leggere in giro su (più o meno veritiere) dichiarazioni di altre escort, ma di certo sono entrate che potrebbero (se dichiarate e tassate) forse evitare che ci si scagli contro fasce economiche minime e permettere magari a noi di prendere un mutuo!Esiste in questa Italia perbenista governata dal Vaticano,un commercialista che voglia diventare "Il commercialista del bel mestiere"? Chiederlo a Monti(nobile intenzione)credo francamente sia inutile.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    11 Dicembre 2011 - 10:10

    ma poi si devono distinguere quelle più dozzinali e quelle dei papaveri di lusso!!!

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    10 Dicembre 2011 - 11:11

    Mettere nel mirino i piccoli pensionati è come saltare sui materassi. Il "Salva Italia" è già opera gigantesca,ma il Professore per gli applausi ci deve davvero stupire con nuove alchimie di economia, trovare vie nuove invece delle solite e classiche...non ignorando categorie che si presterebbero a partecipare alle "spese" (con una mentalità da Economia di guerra), perchè no...coinvolgendo prostitute (che forse non chiederebbero altro)...ICI alla Chiesa...Patrimoniale ai "benestanti"...frequenze televisive e tutte quelle fonti di prelievo da non tralasciare...un pò da tutti, proporzionatamente. Altrimenti...sembrerebbe fatto apposta ? Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    09 Dicembre 2011 - 20:08

    Ma siccome ha il sapore di quelle scritte dal PD tempo fa non è che ci creda mica tanto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog