Cerca

16enne ammazzato dall'amico per una sigaretta negata

In un centro commerciale di Roma, una lite furiosa tra due ragazzini a causa di una "bionda" finisce in tragedia

16enne ammazzato dall'amico per una sigaretta negata

A nulla son valsi i tentativi di rianimazione. Simone C., 16 anni, è morto domenica sera al poliambulatorio di Fiumicino dove era stato trasportato in ambulanza in attesa del trasferimento in ospedale. A ucciderlo una insulsa sigaretta. O meglio questo il motivo che ha scatenato una lite furiosa tra Simone e un amico che colto da un raptus di rabbia gli ha sferrato un pugno mortale alla tempia destra. E pensare che i due, amici da tempo, si erano dati appuntamento per trascorrere un pomeriggio in compagnia al centro commerciale, uno dei più grandi della Capitale, che domenica era affollato da migliaia di persone per lo shopping natalizio. Simone è crollato a terra dopo aver litigato con l'altro ragazzo. Per una sigaretta. L'amico è stato arrestato con l'accusa di omicidio preterintenzionale.

La dinamica - La tragedia si consuma all'esterno del centro commerciale Parco Leonardo di Fiumicino, a due passi da Roma, luogo di ritrovo di centinaia di adolescenti che nel weekend affollano i negozi o il bowling ed il cinema. Simone era seduto ad un tavolino insieme ad altri due amici, i soliti compagni della comitiva, quando - forse per uno scherzo - si è accesa una discussione, presto finita con una lite alla quale hanno assistito passanti e clienti dei centinaia di negozi del centro commerciale. Un colpo alla tempia lascia Simone senza sensi a terra. "Eravamo in sala giochi e abbiamo sentito delle urla - racconta un'amica del ragazzo -, siamo corsi fuori e abbiamo visto Simone a terra. Abbiamo provato subito a soccorrerlo e con dei fazzoletti gli tamponavo il sangue che usciva dal naso mentre un altro amico gli teneva la testa. Poi sono arrivati anche dei vigilantes a soccorrerlo e quasi subito è arrivata l'ambulanza che poi l'ha portato via". Durante il trasporto al poliambulatorio di Fiumicino il cuore del ragazzo non ce l'ha fatta ed ha ceduto.

Il responsabile -
Nel frattempo gli agenti di polizia hanno fermato ed arrestato uno degli amici del ragazzo, anche lui 16enne, considerato il responsabile del pugno fatale. Ora dovrà rispondere del reato di omicidio preterintenzionale. All'esterno del pronto soccorso si sono radunati amici e parenti di Simone, ancora sconvolti dalla notizia che in breve tempo ha fatto il giro di Fiumicino grazie ai social network, come ammettono loro stessi. Tra abbracci e lacrime, qualcuno trova la forza di raccontare quello che sa. "Siamo disperati - dice un ragazzo - non abbiamo ancora capito cosa sia successo realmente: qualcuno dice che in realtà stavano scherzando tra di loro e poi è successo qualche cosa". Le urla della signora Michela, la madre della vittima, arrivano fino al cortile. "Simone, Simone! Non è possibile, non si fanno queste cose". A darle sostegno c'è il marito Stefano, accompagnato dalla nonna, dalla sorellina e da tanti altri parenti di Simone. All'uscita del mezzo della polizia mortuaria con il cadavere del ragazzo, gli amici lanciano un lunghissimo applauso, mentre molti scandiscono il suo nome. Ora Simone non c'è più, per colpa di una sigaretta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    14 Dicembre 2011 - 12:12

    ed il mio in prima fila sembrava sensa senso se non era di risposta a qualcuno e mi ero arrabbiata,per questo.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    14 Dicembre 2011 - 09:09

    perché i commenti di questo tipo cui si risponde,o spariscono,lasciando appesi quelli degli altri,o compaiono DUPLICATI poi e allora .........mi spiegate?????

    Report

    Rispondi

  • roda41

    14 Dicembre 2011 - 09:09

    io poi ho risposto che pur essendo successo al centro-Italia,blaiterava contro il Sud? Come giornale,ci fate brutta figura,scusate! O portate bandiera nordista?

    Report

    Rispondi

  • roda41

    13 Dicembre 2011 - 14:02

    vada a curarsi la sindrome ossessivo-compulsiva-Sud( cioè pensieri fissi ossessivi),perché forse sta male veramente e peggio per lei

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog