Cerca

Perugia, i giudici su Amanda: confessioni non spontanee

Omicidio Meredith, la Corte d'Appello: "Contro Knox e Sollecito nessuna prova di colpevolezza". L'americana "subì pressioni"

Perugia, i giudici su Amanda: confessioni non spontanee
Manca la "prova di colpevolezza" per Amanda Knox e Raffaele Sollecito. Così i giudici della Corte d'Assise d'Appello di Perugia ha motivato la sentenza di assoluzione in secondo grado per i due ragazzi accusato di aver ucciso l'inglese Meredith Kercher nel novembre 2007. Nelle 144 pagine che dovevano essere depositate entro il 3 gennaio prossimo, i giudici sostengono che "gli unici elementi indiziari che rimangono fermi (consumazione del reato di calunnia verso Patrick Lumumba, ndr) non consentono neanche nel loro insieme di pervenire a ritenere comprovata in qualche modo la colpevolezza" della Knox e di Sollecito. La giovane americana sarebbe stata in una certa misura indotta ad accusare Lumumba a ridosso dell'omicidio di Mez. Scrivono infatti i giudici: "Per valutare la reale portata delle dichiarazioni 'spontanee' e del memoriale scritto praticamente subito dopo, occorre tenere conto del contesto nel quale sono state rese le prime e redatto il secondo". "La durata ossessiva degli interrogatori - spiegano i giudici -, portati avanti di giorno e di notte, condotti da più persone nei confronti di una ragazza straniera, che all'epoca non comprendeva né parlava affatto la lingua italiana, ignara dei propri diritti, privata dell'assistenza di un difensore, rende del tutto comprensibile che ella si trovasse in una situazione di notevole pressione psicologica- che definire stress appare riduttivo - tale da far dubitare della effettiva spontaneità delle dichiarazioni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    17 Dicembre 2011 - 04:04

    amanda&feccia affine, gentaglia di bassissimo livello... non ne parlate proprio che è molto meglio.

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    16 Dicembre 2011 - 09:09

    E' da un pò di tempo che stanno avvenendo "omicidi perfetti".Si indaga,si indaga e alla fine il colpevole non si trova.Io mi domando:ma quando non esistevano i RIS,il DNA etc.,allora incarceravano tutte persone innocenti ? Mah.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    16 Dicembre 2011 - 09:09

    la Giustizia ne esce proprio bene !

    Report

    Rispondi

  • pinet47

    16 Dicembre 2011 - 09:09

    Leggere le motivazioni della sentenza e capire che Guedé dice la verità, quando sì e quando no e che quei 'cari ragazzi' non c'entrano niente, ma non è detto, ti fa venire voglia di mandarli tutti a cagare. All'università sentivo dire 'chi sa sa e chi non sa va a Legge' e questo è uno dei tanti casi che ne dimostra la consistenza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog