Cerca

Zucchero, caffè, frutta, benzina: l'inflazione stanga le famiglie

Dati Istat sconfortanti: i beni alimentari crescono del 2,5%, energia 11,1, carburanti 14,3. E la manovra peggiorerà tutto

Zucchero, caffè, frutta, benzina: l'inflazione stanga le famiglie

I beni alimentari crescono del 2,5%. I beni energetici addirittura dell'11, 1% e i carburanti del 14,3%. C'è poi la mazzata sulle sigarette (+4,1%) e sui trasporti (+4,2%). Si fa presto a parlare di inflazione e costo della vita, ma è snocciolando qualche numero reale che si rende meglio l'idea di quello che sta succedendo in Italia. Un aumento medio del 4,3% per gli acquisti che mette nei guai le famiglie e i consumatori. Aumenta soprattutto la corsa del carrello della spesa: lo zucchero rincara del 17,2%, il caffè del 16,5%. Come dire, si inizia a piangere già dalla colazione. E a pranzo? Verdura fresca su del 5,9%, formaggi +5,1%, frutta fresca più cara del 4,4%. Si salva in parte la carne: bovina al +2,6%, suina +1,7%. Tutto questo senza contare l'impatto della manovra ancora da varare in via definitiva. Gli effetti di stangate e balzelli si faranno sentire nel 2012, anno di recessione già annunciata e facile da battezzare come horribilis. A pesare e tanto sui rincari degli alimentari è naturalmente la continua crescita dei carburanti, fondamentali per il trasporto.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fatti neri

    16 Dicembre 2011 - 22:10

    ministro per l'attuazione del programma. ??????????????????????????????????????? ho detto tutto, by fatti neri

    Report

    Rispondi

  • fatti neri

    16 Dicembre 2011 - 22:10

    anno di grazia 2011......persevera l'andirivieni di tir carichi di merci. si vedono nei negozi strane marche di acqua minerale , praticamente inedite,,,prodotte........ dietro l'angolo. sarà perchè il costo di trasporto è superiore al valore del prodotto??????? by fatti neri

    Report

    Rispondi

  • PETTIROSSO

    16 Dicembre 2011 - 16:04

    ... ecco alcuni raffronti di aumento prezzi che trovo ingiustificati, su stessi prodotti, stesso negozio da SETT a DIC 2011: eccone alcuni: Latte intero + 21,5% - banane +9,10% - pomodori secchi (vasetto) + 7,20%-* (prezzi documentabili- Padova) qualcuno mi spieghi se è normale e a cosa sono dovuti. !

    Report

    Rispondi

  • MATRIX2011

    16 Dicembre 2011 - 12:12

    Queste feste Natalizie non spendete soldi, mangiamo poco ed ad casa nostra, niente più colazione al bar evitiamo le pizze da 7 euro ciascuna e le bibite a 2,5 euro camminiamo a piedi o bici e riempiamo le auto quando la prendiamo. Quando si voterà ricordiamoci bene del comportamento dei politicanti ben pagati cerchiamo menti giovani e fresche basta con gli ultrasessantenni che governano mandiamoli tutti ma tutti in ospizio

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog