Cerca

Facebook vietato alle Obama jr. Nuovo slogan: No, you can't

Niente social network per Sasha e Malia. Michelle: non è una cosa di cui hanno bisogno, non è una cosa necessaria

Facebook vietato alle Obama jr. Nuovo slogan: No, you can't

Da "yes, we can" a "No, they can't". Cambia lo slogan di Casa Obama perché le figlie del presidente Obama non possono aprire un profilo facebbok.  «Non sono una grande fan dell'idea che i bambini siano su Facebook, non è qualcosa di cui hanno bisogno, non è necessario» ha detto Michelle  in un'intervista al Today show. Sasha e Malia, che hanno otto e undici anni, non possono entrare sul social network nonostante la vittoria del marito alla Casa Bianca sia stata agevolata anche dalle sue pagine.  Nessuna concesione alle due bambine,  quindi. Dopo tutto mamma Michelle l'aveva detto al momento della vittoria, poco prima di trasferirsi alla Casa Bianca: per le sue figlie non sarebbe cambiato nulla (o quasi). Stesse regole di sempre, stesso regime e niente vizi. Da questo punto di vista, sotto il profilo dell'educazione, non è cambiato nulla:  i divieti restano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianbrio

    16 Dicembre 2011 - 14:02

    particolare..ha solo detto la verità. se anche i nostri figli sprecassero meno tempo in queste belinate potrebbero studiare di più e ne guadagneremmo tutti. I social network non solo sono inutili ma anche dannosi... una specie di brodo primordiale alla rovescia...e con quale beneficio poi? a parte quello di essere sempre più immersi in un clima da "1984". Pensate al Natale e magari fate un bell'albero e un bel presepe...e chi se ne frega dei regali...invece di imbrattare i computer nei vari FaceBook, andate a trovare un amico e abbracciatelo. O magari fate un salto dalla zia che non vedete da anni, solo per dirle bunon Natale... e se vi avanza tempo fate un salto ad accendere una candela in chiesa o sulla tomba di un vostro caro... altro che i like it!!!

    Report

    Rispondi

blog