Cerca

Affondo della Cisl: Manovra? La faceva meglio mio zio...

Bonanni durissimo con Monti: "Sembra fatta da uno che non capisce nulla di economia". Critica anche la Camusso

Affondo della Cisl: Manovra?  La faceva meglio mio zio...

Dopo l'approvazione alla Camera della manovra di Mario Monti cominciano ad alzarsi le voci di dissenso da parte dei sindacati. Se, da una parte, il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, definisce l'approvazione "certamente un passo importante", Cisl e Cigl esprimono aspre critiche. I sindacati, così, seguono la protesta della politica, cavalcata da Lega Nord e ora anche dall'Idv, ufficialmente passato all'opposizione.

Bonanni: "Sembra fatta da mio zio" - Un giudizio pesantemente negativo sul cosiddetto decreto "salva-Italia" è stato espresso dal leader della Cisl, Raffaele Bonanni, che non usa giri di parole: "Sembra fatta da mio zio che non capisce nulla di economia". Secondo il leader della Cisl la manovra è fatta solo "per fare soldi subito". Bonanni, nel corso del suo intervento al presidio dei sindacati davanti a Montecitorio, ha promesso: "Non daremo tregua al governo. Non ci rassegniamo, andiamo avanti e chiediamo di cambiare questa manovra iniqua che è contro lavoratori e pensionati".

Camusso: "Non c'è equità" - Barricate anche da parte della Cgil. Il segretario Susanna Camusso, da padova, ha ribadito il giudizio negativo sulla manovra: "Il nostro giudizio continua ad essere quello di una manovra che non ha i tratti di equità che avrebbe dovuto avere e che comunque bisogna provare ad ottenere. Continua ad essere una manovra profondamente squilibrata - prosegue la Camusso - sulla tassazione del lavoro dipendente, delle pensioni e delle famiglie. Questo è un tratto che va corretto anche per gli effetti recessivi che avrà sul paese in termini di potere d'acquisto, anche in termini di contratto alla progressiva riduzione dell'apparato produttivo".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    20 Dicembre 2011 - 13:01

    Premesso che la politica di Monti non mi piace... per la sinistraglia qualsiasi provvedimento che non sia filocomunista-estremo è da buttare. Certo rossume non dovrebbe parlare proprio.

    Report

    Rispondi

  • colombo edoardo

    19 Dicembre 2011 - 08:08

    Questi hanno distrutto il nostro sistema produttivo, hanno terrorizzato tutti i possibili investimenti anche stranieri, aboliamoli o mettiamoli fuori legge. questi sono rimasti all’ottocento con la mentalità Sovietica e ci manderanno alla malora come l’Unione Sovietica. Qualche Marchionne in più e qualche Camusso in meno. Alfa Romeo Innocenti Fiat le hanno distrutte loro con il beneplacito dell’avvocato Gianni Agnelli e sinistra connivente

    Report

    Rispondi

  • colombo edoardo

    19 Dicembre 2011 - 08:08

    Sindacati ispirati da vangelo-( “non guardare i suoi meriti ma i suoi bisogni”-“ama il tuo prossimo come te stesso”)- questi pretenderebbero che i loro immani sfaceli e le loro follie distruttrici del sistema produttivo strategico venisse pagato ed addebitato al loro prossimo che senza dubbio non sarà in regola con il fisco, ma nulla a che fare con la caduta verticale delle nostre imprese

    Report

    Rispondi

  • colombo edoardo

    19 Dicembre 2011 - 08:08

    Bonanni ha capito benissimo che il governo ha fretta; Monti lo ha spiegato molto chiaramente, tramite la sua ministra che il tempo e già scaduto e servono soldi tanti e subito e non c’è tempo per misure a lungo termine. Detto questo aggiungo Dio stramaledica i sindacati specialmente quelli di estrazione marxista che con i loro scioperi politici e ideologici hanno inchiodato tutti gli esecutivi vietando le riforme strutturali indispensabili per promuovere lo sviluppo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog