Cerca

Processo Mills, Cav in aula Oggi parla l'avvocato

Il testimone in videoconferenza da Londra. Berlusconi in prima fila si è concesso una pausa alla macchinetta del caffè

Processo Mills, Cav in aula Oggi parla l'avvocato

Silvio Berlusconi è arrivato a Palazzo di Giustizia di Milano per assistere al processo Mills dove è imputato di corruzione in atti giudiziari. All'udienza di questa mattina, lunedì 19 dicembre, è prevista in videoconferenza l'audizione del legale inglese, David Mills, che secondo l'accusa sarebbe stato pagato 600 mila dollari per testimonianze reticenti nei processi sulle presunte tangenti alla Gdf e All Iberian. I giudici hanno stabilito che Mills dovrà rispondere a tutte le domande dicendo il vero e non potrà avvalersi della facoltà di non ripondere. Intanto Berlusconi è seduto in prima fila di fianco ai suoi difensori e durante una pausa del processo si è recato alla macchinetta a bere un caffè.

La decisione dei giudici -
I giudici della decima sezione penale del Tribunale, presieduti da Francesca Vitale, dopo una breve camera di consiglio, hanno così sciolto la riserva disponendo che Mills debba rispondere alle domande e debba "dire il vero". A differenza di quanto richiesto dall difesa dell'avvocato, secondo i giudici, i processi milanesi a carico di Mills si sono ormai conclusi e "non vi è ragione che Mills si avvalga della facoltà di non rispondere".  Il collegio ha spiegato che non può essere accolta la tesi dei suoi difensori di sentirlo come testimone-imputato di procedimento connesso e, pertanto, con la possibilità di avvalersi della facoltà di non rispondere. È vero, concede il Tribunale, che è ancora aperto formalmente il procedimento in cui Mills risponde per falsa testimonianza nell'ambito della vicenda Sme, ma, essendo già stato prosciolto per prescrizione dal gip di Milano, la posizione dell'avvocato inglese può soltanto migliorare in seguito ad un eventuale ricorso che in Cassazione porti alla sua assoluzione nel merito. Non è quindi possibile che Mills faccia delle "dichiarazioni peggiorative della sua condizione" e "non vi è ragione di riconoscergli la facoltà di non rispondere". Mills verrà sentito come testimone assistito, cioè in presenza dei suoi difensori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    19 Dicembre 2011 - 20:08

    Campa cavallo...

    Report

    Rispondi

  • jack1

    19 Dicembre 2011 - 17:05

    ti basta quello che ha fatto cadere il governo del 1994 ???? finito con assoluzione e non pescrizione . Adesso caro demente , gli elettori di allora cosa dovrebbero fare spaccarvi la faccia a tutti ??? Se fosse per me si e da un pezzo ..... Se vuoi più tardi te ne spiattello un'altra ... Ma voi, da dove minchia scappate fuori ..... Intanto ficcati lo Spread in quel posto e paga le tasse ....

    Report

    Rispondi

  • gia161170

    19 Dicembre 2011 - 17:05

    Come no ci mancherebbe pure!! Tanto per iniziare il processo Mediatrade dove il gup, per decenza, ha detto che era meglio non sprecare neanche ore solari o denaro pubblico sul nulla. poi Ruby, Lodo Mondadori con la sentenza 'copia ed incolla', il processo Mills, Iberian, patate, carote ed altri cavoli fritti !!!

    Report

    Rispondi

  • ed7

    19 Dicembre 2011 - 15:03

    guarda là come saluta con quella faccia di plastica.....magari non verrà condannato solo perché ha avvocati bravi, ma resta un delinquente morale e pedofilo accertato

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog