Cerca

Mills, finalmente la verità Bugie sul Cav, mi vergogno

L'avvocato inglese scagiona Berlusconi: "Ho ricevuto soldi non da Fininvest ma da Attanasio. Ho mentito per salvarmi dal fisco"

Mills, finalmente la verità Bugie sul Cav, mi vergogno

It’s all fiction!. Quasi uno slogan che richiama alla mente quello dei Looney Toones, i cartoni animati di Bugs Bunny e compagnia (That’s all folk!, presente?). «It’s all fiction», dicevamo. Che significa «è tutta una fiction, una finzione». E detto della vicenda che coinvolge colui che, anche con le fiction (e però televisive), ha fatto fortuna, suona quasi paradossale. Resta il fatto che questa frase, pronunciata dall’avvocato David Mills durante l’audizione di ieri in Tribunale, riassume il senso dell’udienza. Il processo è quello che vede Berlusconi imputato d’aver corrotto con 600mila dollari lo stesso Mills, affinché quest’ultimo rendesse testimonianze a lui favorevoli riguardo la ragnatela di società off-shore che s’era occupato di creare per conto di Fininvest. Peraltro, nel processo “gemello”, proprio Mills  è stato prosciolto in Cassazione per prescrizione, e però dopo due condanne.

liberoquotidiano.itliberoquotidiano.it

Tutto quello che in questo processo riguarda Berlusconi è fiction. E' innocente, non ha nulla a che fare con quei 600mila dollari

Il fisco inglese - E dunque, il pm Fabio De Pasquale ha incalzato in aula il legale britannico, collegato in videoconferenza da Londra. Con Mills a ribattere che, in sostanza, quei 600mila dollari rappresentavano un riconoscimento economico da parte di un suo cliente, l’armatore Diego Attanasio. E però Mills l’aveva registrato non come compenso ma come regalo, ragion per cui il fisco inglese - dopo la segnalazione del commercialista dello stesso Mills -  gliene aveva chiesto conto all’inizio del 2004 (le donazioni sono esentasse, i compensi ovviamente no). Il fatto è che Mills, per sviare l’attenzione dei mastini di Sua Maestà - e anche, così dice, per evitare al suo amico Attanasio altri grattacapi oltre a quelli che già aveva con la giustizia italiana - lui ha tirato in ballo  Carlo Bernasconi, colui che manteneva i contatti con Mills per conto di Fininvest. Il quale Bernasconi, essendo morto da due anni, non poteva replicare. Il pubblico ministero naturalmente non gli crede, ritenendo che invece sia il nome di Attanasio una “copertura” per celare il reale corruttore. I ogni caso, dopo che l’erario inglese aveva accertato che non si trattava di donazione bensì di onorario, a Mills ha fatto pagare le tasse su quella cifra. A quel punto l’avvocato ritrattò la versione che tirava in ballo Berlusconi, e che era già stata acquisita dai magistrati di Milano. Questo, in sintesi, il quadro.

La domanda al pm - E dunque, mentre l’accusa gli rinfacciava la lettera da cui tutto ebbe inizio - cioè gli appunti girati da Mills al suo commercialista Bob Brennan - ecco che l’inglese alza la voce: «It’s all fiction!» sbotta. «Tutto quello che riguarda Berlusconi e Bernasconi è una fiction, un’invenzione. La parte della lettera che riguarda Berlusconi è  inventata, anche se contiene elementi realistici per risultare credibile». In precedenza, Mills aveva aggiunto di «vergognarsi» per aver tirato in ballo Bernasconi, come detto morto due anni prima. Al termine dell’esame da parte del pm, è stato Mills a chiedere di potergli a sua volta rivolgere una domanda. «Irrituale, ma per cortesia viene concesso» decide il presidente della Corte. E Mills: «Il pm non mi ha permesso di rispondere a un’unica domanda che conta, ossia da dove vengono quei 600mila dollari». Il giudice  ribatte che non è possibile «costringere il pm a formulare una domanda come vuole Mills». L’avvocato inglese prosegue: «Desidero sottolineare la totale innocenza del dottor Berlusconi, che non ha assolutamente nulla a che fare con quei 600mila dollari. Mi scuso  per tutti i problemi che gli sono stati causati e spero che alla fine del processo emerga la verità». Fine dell’udienza. Il controesame di Mills da parte degli avvocati difensori comincerà il 16 di gennaio. La prescrizione dovrebbe scattare, sempre secondo i legali dell’ex premier, il 13 febbraio. Berlusconi si è avvicinato al pm De Pasquale, gli ha stretto la mano e augurato buone feste.

liberoquotidiano.it

Mi sento solevato, mi pare che la vicenda liberoquotidiano.it possa condisiderarsi conclusa

"Emersa la verità" - All’uscita, è stato poi lo stesso Berlusconi a commentare. «Ottima udienza, sono emersi in modo lampante i contorni della vicenda. L’avvocato Mills ha detto in maniera chiarissima di aver inventato menzogne. Mi sento molto sollevato, secondo me questa testimonianza conclude questa vicenda». Gli è stato chiesto se sarebbe disposto a farsi interrogare: «Sono disponibile sia a farmi interrogare, sia a rilasciare una dichiarazione spontanea. Ne parlerò con i miei avvocati». E se dovesse essere condannato? Ci saranno conseguenze sul suo impegno politico? «Assolutamente no».
Prima di andarsene, ha fatto gli auguri anche ai giornalisti. «Finirete col volermi bene», ha detto.

di
Andrea Scaglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pi.bo42

    23 Dicembre 2011 - 22:10

    Anche se non rivolta a me è chiaro verso chi vuole dirigere la sua esplicazione. Ora ha chiarito veramente il senso del suo intervento, prima non vi ero penetrato. Per quanto tutt'altro che d'accordo sull'innocenza del B. la ringrazio della serena risposta. Sinceramente ho seri dubbi, però, che quell'azzeccagarbugli albionico possa avere tirato così in lungo questa menzogna senza una ragione diversa dalla paura dei controlli fiscali. Da Bernasconi ad Attanasio passando per Berlusconi; per me , parafrasando Shakaspeare, ancora "c'è del marcio nel regno di.......Inghilterra"! Saluti.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    23 Dicembre 2011 - 20:08

    Dai documenti, estrapolati dalle pagine di cronaca giudiziaria, si evince che quanto sempre affermato, dalla difesa di Bernasconi, e successivamente da quella di Berlusconi, corrisponde alle affermazioni ultime dell'avvocato inglese. Anche un bambino sa che avrebbe peccato, di autolesionismo, chi avesse tentato una difesa assurda mediante il tentativo di corrompere un teste d'accusa. Il teorema accusatorio non è mai stato confermato da nessuno. Esso dovrà essere provato dall'accusa mediante la 'certezza di prova'. Cosa che non è mai stata dimostrata da più di venti anni. In un un Paese, come l'Italia, dove i giudizi sono formulati dopo estenuanti lungaggini giudiziarie, non si dovrebbe lasciare spazio ai dubbi accusatori. Il tempo per l'accertamento delle verità è sempre più che sufficiente. Spero di aver chiarito i dubbi del post precedente . A scanso d'equivoci affermo che, secondo me, Berlusconi è estraneo a questa vicenda!

    Report

    Rispondi

  • Fonzy

    23 Dicembre 2011 - 18:06

    Ma è chiaro che Mills nega dei 600 mila euri perchè ne ha ricevuti 700 per negarlo. E fra un po' accuserà il Berlusca di averne ricevuti 600+700 = 1300, per poi negare tutto in quanto ricevuti ulteriori 1400, e così via... possibile che solo dei grandissimi c.....oni (cervelloni) - che per definizione sono tutti a sinistra - se ne siano accorti???!!!

    Report

    Rispondi

  • bepper

    23 Dicembre 2011 - 18:06

    Silvio potrà ora querelare Mills. Gli ha fatto passare anni d'inferno per la sua bugia. Anzicché mettere nei guai il famoso Attanasio ha preferito mentire per mettere nei guai lo sconosciuto Berlusconi. Altro che le toghe rosse è l'avvocato Mills il grande vecchio dietro al complotto contro Silvio. La presidenza del consiglio può associarsi per il danno d'immagine allo stato italiano. Potremmo mettere in pari un bel po' di conti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog