Cerca

Un Natale di depressione Consumi in picchiata

Le spese mai così basse dal 2000: gli italiani per cenone della Vigilia e di Natale hanno sborsato 2,3 miliardi di euro. Ma gli sprechi crescono

Un Natale di depressione Consumi in picchiata

Un Natale di crisi e consumi depressi. Secondo le stime della Coldiretti, per cibi e bevande per cenone della Vigilia e pranzo di Natale gli italiani hanno speso 2,3 miliardi di euro. In termini percentuali, rispetto all'anno precedente, la felssione è stata di 18 punti, pari a una spesa inferiore per 400 milioni di euro. Coldiretti senza giri di parole ha parlato di "peggior Natale" degli ultimi dieci anni. L'osservatorio nazionale di Federconsumatori, da parte sua, dopo aver elaborato i dati sui consumi relativi alle festività natalizie ha reso noto che, in pressoché tutti i settori, è stata registrata una forte contrazione rispetto ai consumi natalizi dell'anno precedente.

Vince il Made in Italy - Per il 90% degli italiani che hanno festeggiato in casa il Natale, i cibi preferiti sono stati quelli Made in Italy: flessione per caviale, ostriche, salmone e champagne. La maggior parte delle tavole sono state imbandite con prodotti o ingredienti nazionali. La Coldiretti spiega che sono stati spesi 850 milioni di euro per pesce e carni, salumi compresi; 490 milioni di euro per spumante, vino e altre bevande; 400 milioni di euro per dolci e panettoni, pandoro e panetteria; 270 milioni per ortaggi, frutta fresca e secca, conserve; 190 milioni di euro per formaggi e uova.

Gli sprechi - Se i consumi sono in picchiata, non si può dire altrettanto per gli sprechi: nel 2011 circa un quarto delle portate per Vigilia e Natale è stato buttato nella spazzatura, per un valore pari a circa mezzo miliardo di euro. In cima alla classifica degli sprechi i prodotti cucinati e quelli più deperibili, quali frutta, verdura, pane, pasta, affettati e latticini. Coldiretti conclude: "Un'abitudine che soprattutto in un momento di difficoltà generale sarebbe bene cambiare, riciclando gli avanzi con nuove ricette".

Allarme saldi - Ma a preoccupare sono anche gli imminenti saldi di gennaio: le previsioni sono tutt'altro che positive. Le stime anche in questo caso sono state elaborate dal Codacons, e risultano allarmanti: "Saranno un flop. Le famiglie non hanno più possibilità di spendere per beni non essenziali, nemmeno in regime di sconti staglionali. Prevediamo una riduzione record degli acquisti durante i saldi, con picchi del 30-40% rispetto allo scorso anno".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    27 Dicembre 2011 - 10:10

    Ti devono togliere di mezzo, ci stai rovinando, stai rendendo poveri i medio borghesi, che erano la colonna portante di questa Italia. Devi scomparire e con te tutti i falsi personaggi che ci stai facendo subire, la fornero, il passera, e tutta l'altra genia che di tencico non ha nulla, ma sono solo dei parvenù con le tasche piene. Berlusconi e' divenuto la vergogna di noi che lo abbiamo votao, mi sembra il gonzo che muove la testina e accetta tutto. Per non parlare di tutti i komunisti in parlamento, bersani, dalema, franceschetti veltroni, la finocchiaro, la bindi. Loro sarebbero da lapidare, non stanno muovendo un muscolo, accettano tutto, tanto loro sono intoccabili. La guerra dei poveri non tarderà a venire, non siamo la grecia, noi picchiamo forte, prima con le parole, ma inascoltati, con i fatti. CI STATE ROVINANDO TUTTI.

    Report

    Rispondi

  • 654321

    27 Dicembre 2011 - 10:10

    AH AH AH............. 400 milioni di euro che gli Italiani hanno speso in meno !!! Ah AH Ah ....sono 80 milioni di iva che i professorini non hanno incassato !!! E il bello deve venire !!! Ah Ah la crescita ?! Come ? Verra introdotto il frustometro !!! Cos'e' ? Carissimi Italiani ve ne accorgerete!!! Si terra' conto dello stipendio, ed in base a questo ci verra' ordinato di produrre gli scontrini per documentare gli acquisti effettuati durante il mese !!! Verra' imposto un obbligo di spendere per favorire la fase 2...pena tante frustate !!! Le sanzioni? severissime, a chi non spende verra' tassato e sottratto l'importo delle mancate spese per gli acquisti!!! Ah Ah ...altro che pil...tutt'Europa ci copiera' !! M.G. orb

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    26 Dicembre 2011 - 23:11

    o lo stato ci ha rimesso a occhio un bel 200M di euro tra iva e tasse? sarà mica recessione causata da ici, tassette varie, pensioni bloccate e ritardate, ecc ecc? ma chi è quella mente acuta che ha pensato il giochino e chi è che la sostenuta e approvata?.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    26 Dicembre 2011 - 22:10

    ma guardi che ci verrà imposto per prima di mantenere i figli di africani, rom, sinti e mussulmani assortiti, prima dei nostri! Non sia troppo ottimista, siamo un paese accogliente e di buoni... che poi significa....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog