Cerca

"Fare chiarezza sulle super-pensioni dei sindacalisti"

L'intervista a Mario Staderini, segretario dei radicali italiani: "In temi di moralizzazione agire anche su chi ha assegni superiori ai vitalizi"

"Fare chiarezza sulle super-pensioni dei sindacalisti"

«In tempi di moralizzazione e di emersione delle caste, non è indifferente sapere se e quanti sindacalisti siano titolari di pensioni che superano i vitalizi dei parlamentari». Mario Staderini, segretario dei Radicali italiani, apre un nuovo fronte nella lotta ai privilegi: sul trattamento previdenziale dei rappresentanti dei lavoratori».

A cosa si riferisce?
«Esiste un meccanismo di legge, previsto dall’articolo 3 del decreto legislativo numero 564 del 1996, che consente alle organizzazioni sindacali di versare una contribuzione aggiuntiva per quei dirigenti che stanno o in aspettativa, nel caso dei privati, o in distacco nel caso del pubblico impiego. Cosa che ha una logica, non lo nego».

E allora dov’è il problema?
«Il rischio che vi sia una distorsione. Prendiamo un dirigente sindacale del pubblico impiego in distacco: la contribuzione aggiuntiva che gli viene versata dal sindacato va a incidere sulla pensione. Cosa accade se negli ultimi mesi si fa versare dal sindacato una contribuzione aggiuntiva molto alta? Che la sua pensione, grazie al metodo retributivo determinata dall’ultima mensilità, è superiore a quella dei normali dipendenti pubblici».

Ha notizie di qualcuno che ha fatto il furbo?

«Ho ricevuto, da più parti, segnalazioni di possibili abusi. È ora che inizi un’operazione verità per dissipare i dubbi: è vero o no che in questi anni un numero imprecisato di dirigenti sindacali del pubblico impiego, nazionale e provinciale, è andato in pensione con assegni molto più alti rispetto a quelli cui avrebbe avuto diritto? Con importi anche superiori a 5mila euro netti?».

Di chi è la responsabilità di tutto questo?
«Dell’intreccio tra il meccanismo della contribuzione aggiuntiva, difficilmente controllabile, e il sistema retributivo in vigore nel pubblico impiego. Inoltre il fatto che i sindacati non abbiano l’obbligo di pubblicare il loro bilancio non facilita di certo la ricerca della verità. Pertanto chiedo al presidente dell’Inpdap, l’ente che eroga le pensioni, e alle organizzazioni sindacali, di fare luce sull’istituto della contribuzione aggiuntiva».

Una soluzione, se c’è, qual è?
«Proprio come per i partiti e il loro finanziamento pubblico, servono interventi strutturali. Quindi è ora di applicare l’articolo 39 della Costituzione sui sindacati, ad esempio prevedendo la pubblicazione dei loro bilanci. Poi per il futuro, con il passaggio al sistema contributivo per tutti, la falla sarà tappata».

intervista di Tommaso Montesano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    27 Dicembre 2011 - 09:09

    i sindacati???? Al limite qualche dirigente sìndacale!! ma voi sapete quanto prende di stipendio un sindacalista? E poi quell'altro sotto, Marcolelli che straparla e no sa nemmeno di cosa! Maldestri, siete solo dei maldestri

    Report

    Rispondi

  • raucher

    26 Dicembre 2011 - 20:08

    per rendersi credibili, cosa che ora non sono, facciano qualche bel passo indietro, contribuendo ai sacrifici del paese , invece di fare una delle tante caste privilegiate. Vivono dei contributi dei vecchietti fanatici 80-enni, morti quelli siete fottuti, vivaddio.

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    26 Dicembre 2011 - 17:05

    poi parlano e vogliono che non solo i dipendenti parassiti pubblici continuino a pagare per loro, ma addirittura i privati e gli autonomi. Voraci come sanguisughe, hanno indebitato questa bella Italia nostra e continuano a chiedere soldi a tutti. Mostri, fate schifo. Ma andate a lavorare invece di stare sempre a chiedere soldi a tutti.

    Report

    Rispondi

  • GGF44

    26 Dicembre 2011 - 17:05

    Hò lavorato in una azienda di grosse dimensioni dove i sindacalisti facevano un pò come i caporali se non eri tesserato CGL o CSL eri tagliato fuori dagli scatti di categoria.E se ti facevi valere come specializzato. ti riconoscevano il più tardi possibile. Fascismo rosso!!! erano i più menefreghisti e incapaci, quindi per far carriera la facevano con la LAPA (lingua). Figuriamoci i capi

    Report

    Rispondi

blog