Cerca

Diritto di voto alle contradaiole: Oca sospende 30 donne ribelli

Siena, per chiedere più rappresentanza si sono rivolte al tribunale ordinario. "Ma i nostri problemi si risolvono all'interno..."

Diritto di voto alle contradaiole: Oca sospende 30 donne ribelli

Dietro front dell'Oca. La contrada di Siena ad inizio dicembre aveva riconosciuto alle donne il diritto di voto a partire dal 29 dicembre 2012 nell'assemblea di contrada. Una rivoluzione, anche in vista del Palio. Il problema è che la questione è stata nuovamente sollevata da 30 donne che si sono rivolte a un tribunale e non agli organi interni. E per questo, oggi, la contrada ha sospeso le "ribelli" a tempo indeterminato. "Questa decisione serva per capire che tutto ciò che riguarda le contrade deve risolversi al loro interno", spiega Antonio Degortes, figlio del mitico fantino Aceto e responsabile delle pubbliche relazioni dell'Oca. Come dire: una volta va bene, la seconda no. Le donne, continua Degortes, "erano coscienti perfettamente che questo sarebbe stato il risultato finale. Non è una minaccia contro di loro ma una tutela per il futuro, affinchè le discussioni avvengano dentro le contrade e non nei tribunali". La querelle va avanti da molto tempo. Nel 2008 le contradaiole avevano perso un referendum interno mentre due anni dopo era stato un giudice a respingere la richiesta di 30 donne che avevano chiesto diritto di voto a nome di tutte le donne. Scorretto e ingiusto, aveva obiettato il tribunale. A quel punto, le 30 hanno presentato un secondo ricorso non potendo immaginare che nel frattempo la contrada avrebbe accolto la richiesta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog