Cerca

Aboliamo il canone della Rai: ecco come si può fare

La campagna di Libero: contro le tasse non si può indire referendum. Ma contro la legge per cui viale Mazzini è "servizio pubblico" sì

Aboliamo il canone della Rai: ecco come si può fare

Il canone Rai è una tassa, e come tale non può essere cancellata: un referendum abrogativo è una strada che non si può percorrere. Ma se non è possibile abolire una tassa è possibile indire un referendum per abolire una legge. La Rai infatti non è un ente di Stato ma una società per azioni di proprietà pubblica che, per gli effetti di un testo del 1975, svolge un servizio pubblico: se venissero aboliti i commi della legge in questione che prevedono che sia la Rai a dover svolgere il cosiddetto servizio subblico, non ci sarebbe più motivo per pagare il canone.

Libero, come spiega dettagliatamente il direttore Maurizio Belpietro nell'editoriale in edicola oggi, martedì 27 dicembre, lancia la sua campagna referendaria per abolire il canone e risparmiare, ogni anno, 1,5 miliardi di euro. Sempre nel quotidiano in edicola oggi, un approfondimento su come il patrimonio che incassa viale Mazzini viene sprecato per sfornare fiaschi clamorosi (i cosiddetti programmi leggeri) o per far nascere talk show e trasmissioni a senso unico: di sinistra.

Leggi come si può abolire il canone Rai
su Libero in edicola oggi, martedì 27 dicembre

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gino45

    31 Gennaio 2012 - 09:09

    Pago il canone regolarmente, ho però cancellato le tre reti Rai dal mio televisore (ci sono i tasti appositi), se tutti seguissero questo consiglio daremmo un colpo mortale alla Rai.

    Report

    Rispondi

  • ariete ariete

    06 Gennaio 2012 - 14:02

    Sono un'abbonata rai, che annualmente paga il canone, mal volentieri ma lo paga. Quest'anno mi irrita di più, perchè a differenza di altri anni, ho notato, che come se non bastasse il periodo estivo che per 4 mesi non vediamo nulla di buono in tv, stavolta ho visto che anche nel periodo delle festività, tanti programmi e tanti signori illustri della tv, non sono andati in onda. Mi chiedo, ma perchè io contribuente devo lavorare comunque durante le feste e loro che vengono pagati con i nostri soldi si possono permettere le vacanze? Ma è giusto tutto ciò?

    Report

    Rispondi

  • VermeSantoro

    31 Dicembre 2011 - 12:12

    Visto che tanto ti piace, pagami anche il mio.

    Report

    Rispondi

  • lucaponi

    30 Dicembre 2011 - 22:10

    sono convinto che anche il nuovo governo di PROFESSORI non possa tenere conto che si paga il canone rai solo per vedere PUBBLICITA' , programmi di sinistra odiosi, e pagare personaggi già STRARICCHI e sinistroidi. è inoltre logico che un operaio che si alza alle 7 del mattino siase costretto a sorbirsi un film serale che inizia alle 21,20 e termina alle 23,30 intriso di pubblicità ripetitiva, ripetitiva, ripetitiva, ripetitiva ..... ripetitiva!!!!!!!???? se i professori governativi non intervengono loro si indica un refrendum per abolizione canone!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog