Cerca

Doppio lavoro per gli statali: italiani fregati da consulenze

Il rapporto della Finanza: dall'Asl al Fisco, 55 milioni di euro di danni alle casse dello Stato. Un dipendente aveva 62 extra

Doppio lavoro per gli statali: italiani fregati da consulenze

Dirigenti Asl che svolgono attività in privato, con e senza partita Iva. Esperti del fisco che, al di fuori dell'Agenzia delle entrate, svolgono attività di consulenza (ben retribuiti) per aziende e cittadini. Migliaia di lavoratori della Pubblica amministrazione che esercitano altre mansioni, al di fuori del lavoro "ufficiale", senza autorizzazioni. Tutto questo, naturalmente, sottraendo tempo all'orario di lavoro pagato dallo stato. E' lo scandalo del doppio lavoro degli statali, denunciato da un rapporto della Guardia di Finanza: 3.300 i casi già scoperti, di cui scrive Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera. Un fenomeno trasversale, che coinvolge dunque tutta la scala dei dipendenti pubblici, dai primi gradini agli alti dirigenti. Un fenomeno, soprattutto, dannosissimo per le tasche degli italiani (che perdono in qualità dei servizi) e vantaggiosissimo per i furbi: secondo le Fiamme gialle è di 55 milioni di euro il danno causato allo Stato dai guadagni illeciti registrati negli ultimi tre anni da chi ha doppio incarico. In dodici casi, i compensi extra hanno superato i 100mila euro mentre si arriva al caso limite di un dipendente statale che aveva accomulato 62 consulenze private provocando un danno all'erario di 2,5 milioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brontolone

    28 Dicembre 2011 - 00:12

    la finanza dovrebbe indagare pure per scoprire i Funzionari "lavoratori" delle agenzie delle entrate, che in combutta con commercialisti amici, sanno dove "PARCHEGGIARE" i Modelli Unici, (quelli di grandi e piccoli evasori amici) che non saranno mai sorteggiati per il CONTROLLO, e poi DIRETTAMENTE ARCHIVIATI!!!!!!!! chissa se a qualcuno verrà questa voglia.

    Report

    Rispondi

  • violacea

    27 Dicembre 2011 - 21:09

    davvero??? pensavate il contario!!!! ma lo avete capito o no che tutta sta pubblica amministrazione, in tutte le sue forme ci ha rovinato?????si' loro ,gli intoccabili ladri d'italia che non si possono licenziare!!!! facciamo i conti di tutte le spese sostenute x le varie voci delle pubbliche amministrazioni, giustizia compresa e poi vediamo dove vanno i soldi????? altro che le pensioni di anzianita' dei dipendenti privati!!! gli unici che hanno lavorato e pagato i contributi!!! gli unici degni di ricevere la loro pensione dopo 40 anni di lavoro!!! vogliamo vedere tutti i conti pubblici in chiaro!!!adesso basta!!!

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    27 Dicembre 2011 - 19:07

    senzaliquidazione!

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    27 Dicembre 2011 - 16:04

    i dipendenti statali protetti, fnnulloni, tanto tempo libero, non lavorano mai, si sono mangiati tutti i soldi, fanno secondi lavori e non pagano le tasse. Poi c'e' l'altra Italia dei lavoratori autonomi che subiscono la concorrenza sleale delle aziende che usano la cassa integrazione, degli statali che rubano lavoro a chi invece paga le tasse, dei giovani che sono precari perche' gli statali della generazione precedente non vanno mai in pensione e si sono mangiato tutti i soldi.. Poi ci sarebbe una terza Italia, di privati e imprenditori come me che se se sono dovuti scappare all'estero per colpa degli statali mantenuti parassiti che li affogavano di tasse e disservizi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog