Cerca

Benzina record: 1,722 euro. Troppe tasse: è la più cara d'Europa

L'incidenza di accisa e Iva sul prezzo alla pompa in Italia è altissima: 60% sulla benzina, 54% sul diesel. Oggi altra impennata

Benzina record: 1,722 euro. Troppe tasse: è la più cara d'Europa

Nel pacchetto di misure del governo per la concorrenza e le liberalizzazioni c'è anche il capitolo benzina, e si fa presto a capire perché. Il costo alla pompa, il più alto in Europa (con il record toccato proprio oggi di 1,722 euro al litro per la benzina nei distributori Eni, 1,653 euro per il diesel), è legato infatti per ben oltre la metà ad accise statali e Iva. Il paradosso, infatti, è che mentre il prezzo al barile cala, tutti i balzelli annessi ai rifornimenti aumentano. Un'anomalia che spinge molti frontalieri (e non solo) a recarsi in Svizzera (dove costa tra 1,310 e 1,460 euro al litro), Austria (1,352) e Slovenia (1,328) per fare il pieno risparmiando. D'altronde, l'incidenza della tassazione sta diventando insopportabile: sulla benzina italiana è pari al 60%, sul diesel al 54%. Tanto per fare qualche paragone, le tasse sul diesel in Germania coprono il 49,7%, in Francia il 48,2%, addirittura il 41,9 in Spagna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Phidry Hiellie

    29 Dicembre 2011 - 20:08

    Basterebbe prendere di mira tre marche e non rifornirsi più da queste tre marche. La soluzione purtoppo è solo nelle nostre mani, il governo vive e sta in piedi grazie alla benzina e diesel. La soluzione è solo nelle nostre mani. Presto ci saranno le elèttriche, che a questo andazzo, verrano giorni in cui i carburanti ce li butteranno a dietro!!!!

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    29 Dicembre 2011 - 14:02

    ricordiamoci che siamo tanto buoni ed accoglienti, gli aumenti servono (anche) a mantenere eserciti di bestioni africani e sedicenti profughi straccioni in albergo a poltrire e mangiare gratis, in un'interminabile vacanza a scrocco. Siccome l'Italai è un paese buono buono e vuole la multiculturalità, nostra inestimabile ricchezza, censuriamo ogni lamentela sugli aumenti!!!

    Report

    Rispondi

blog