Cerca

Italia dalla lira all'euro: in 10 anni prezzi doppi

L'1 gennaio 2002 arrivava la moneta unica e il costo della vita è schizzato alle stelle. Tutti i rincari: spesa, consumi, bollette

Italia dalla lira all'euro: in 10 anni prezzi doppi

Dieci anni di euro, dieci anni di fregature. Non solo per colpa della moneta unica che ha sostituito la Lira, ovvio, perché in mezzo ci sono state almeno tre gravissime crisi internazionali senza citare la ciclica pressione sull'oro nero, il petrolio. Ma a quasi dieci anni da quando la moneta dell'Eurozona è diventata concreta, l'1 gennaio 2002, è doveroso fare un bilancio di come la vita degli italiani sia cambiata. In peggio.

Furbate e zero controlli - Non c'è una voce di spesa che abbia registrato una conversione corretta, e la responsabilità è di chi all'epoca e nei mesi precedenti non preparò il trapasso in modo attento. Pochi controlli sulla speculazione e via: con il change-over. il potere d'acquisto degli italiani va a marengo. D'altronde, l'inflazione era al tempo la paura maggiore degli analisti. Come ricorda il Corriere della Sera, appena una settimana dopo si stimava di aumenti generalizzati tra lo 0,4 e lo 0,7%. Per esempio, un biglietto del tram a Milano fino al 31 dicembre 2001 costava 1.500 lire e un giorno dopo 1 euro, al posto del cambio corretto a 0,77 euro. Oppure, la giocata minima al lotto passò da 1.000 lire a 1 euro, raddoppiatta di colpo. Certo, i commercianti si accordarono per bloccare i cartellini col doppio prezzo (in Lira e in euro) per 5 mesi. Ma i più furbi cambiarono i prezzi già negli ultimi giorni del 2001, per garantirsi una conversione assai più vantaggiosa. Esempio: un panino dell'Autogrill passò da 4.500 lire a 4.850 euro, in modo da passare a 2,5 euro nel 2002.

Povero carrello - Ma è paragonando i prezzi di allora a quelli di oggi che si capisce come l'impatto combinato di euro, crisi, mancanza di concorrenza e di controlli reali abbia impoverito gli italiani. Se una pizza quattro stagioni costava 10.000 lire (5,16 euro nel 2002), oggi si devono sborsare in media 10 euro. Ormai nota l'escalation del canone Rai, che da 179.000 lire è passato agli attuali 112 euro con un rincaro del 21 per cento. Solo il settore tecnologico ha visto calare i prezzi, a causa dello straordinario sviluppo dell'offerta. In tutti gli altri settori, sono lacrime: un caffè da 1.500 lire a 1 euro, un cappuccino da 2.000 lire (e poi 1,03 euro) a 2 euro. La pasta da 1.000 lire (0,51 euro) a 0,75 euro, un biglietto del cinema da 13.000 lire (6,71 euro) a 7,50 euro.. Raddoppiati i jeans, da 125.000 lire (64,56 euro nel 2002) a 117 euro. Impossibile da non sottolineare l'escalation anche dei consumi, con il canone Telecom passato da 24.840 lire al mese (12,83 euro) a 16,50 euro, e quello della benzina, da 1.954 lire (1,01 euro) al litro per la verde a 1,72 euro. Il risultato, nonostante l'emergere delle grandi catene di distribuzione al posto dei negozi di quartiere, giudicati presto troppo cari, è che il carrello della spesa degli italiani, dieci anni dopo l'introduzione dell'euro, è più povero del 10 per cento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pozzi

    02 Gennaio 2012 - 10:10

    Mi sembra che come ogni inizio anno cominci il "terrorismo" informativo e alimentare...sempre la solita foto d'archivio delle zucchine...notoriamente un vegetale estivo...siamo fuori stagione..non sarà mica un prezzo di riferimento?

    Report

    Rispondi

  • Helmut

    31 Dicembre 2011 - 10:10

    Ma come mai ci si lamenta solo "oggi" di certi aumenti sfuggiti al controllo delle autority ( come insinua qualcuno) ? Ok, questa crisi che sta mandando in malora il Paese può essere il segnale che abbiamo toccato il fondo, ma io vedo circolare auto sempre più nuove, persone griffate dalla testa ai piedi, tutti con l'ultimo modello di I-phone da 600 euro, fare la fila davanti gli store della Apple per il nuovo I-Pad da 800 euro, con al polso Rolex da 5.000 euro, su questi generi l'Euro non ha colpito ? Le Audi da 50.000 Euro forse 10 anni fa le si potevano comprare con 50 milioni di lire o forse 30 ? Con quei soldi ci si comprava un monolocale.Cosa è successo a chi in questo decennio si è concesso questi lussi ? Si è accorto solo ora che qualcosa non funzionava con l'Euro perchè la banca gli ha bloccato i finanziamenti o si sono improvvisamente risvegliati da un bel sogno ?

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    31 Dicembre 2011 - 01:01

    Com'è che quando ero in trasferta,(ed in trasferta ci vado da 37 anni)di lavoro in quel di Pisa,la trattoria ove pranzavo nel 2002 mi fece pagare 20 euro per il pranzo quando pagavo(prezzo fisso ndr,)20.000 lire?Com'è che quando acquistai il famoso Antivirus Norton Security il rivenditore invece di farmelo pagare 50,84 euro me lo fece pagare 98 Euro,overossia qualcosa come 188.881 lire?D'accordo che c'era Berlusconi al governo e che il cambio l'aveva negoziato Mortadella.ma eravamo NOI che dovevamo denunciare i furbi...Se gli stipendi li hanno dimezzati,per forza di cose dovevano scendere anche i prezzi anzichè aumentare,Le uniche piu' serie?Le put***ne.Il cambio lo hanno fatto al ribasso ed arrotondato per difetto....Fatevi un poco due conti. Cordialità

    Report

    Rispondi

  • aifide

    30 Dicembre 2011 - 20:08

    che ci ha somministrato quel grande economista di Prodi! Ma perchè non lo buttiamo fuori dall'Italia con il divieto simile a quello dei Savoia che c'era in Costituzione quando governi golpisti come quello attuale non avrebbero potuto nemmeno essere ipotizzati?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog