Cerca

Hans, clochard muore bruciato Rifiutò una super eredità

Muore ucciso dal fuocherello che accese per scaldarsi la notte di Natale. Disse no a 250 mila euro, a un appartamento e a una villa

Hans, clochard muore bruciato Rifiutò una super eredità

Giovanni Valentin, un clochard di Bolzano detto 'Hans Cassonetto', è morto bruciato durante la notte di Natale. Aveva 66 anni ed è stato ucciso dal fuocherello che aveva acceso per scaldarsi. Dopo qualche giorno si è venuto a sapere che Hans rovistava tra i cassonetti per scelta: un anno fa aveva rifiutato una grossa eredità - pari a 250mila euro una villa ed alcuni appartamenti - che gli era stata lasciata dalla madre. Al quotdidiano Alto Adige un'amica di famiglia, che propone ora di destinare l'eredità alle associazioni che si occupano di aiutare i senzatetto, ha spiegato che Hans "diceva che soltanto così poteva sentirsi libero".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • beatles14

    30 Dicembre 2011 - 00:12

    Mi dispiace perchè è un essere umano, però l'ha voluto lui quindi si può dire che nel mondo c'è un pazzo?/scemo?/disadattato? (ognuno scelga) in meno.

    Report

    Rispondi

  • Barbadifrate

    29 Dicembre 2011 - 18:06

    Ognuno è libero di scegliere il modo di vivere. Lui ha scelto di vivere libero. Riposi in pace.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    29 Dicembre 2011 - 15:03

    Povero scemo... morto da sfigato nonostatnte 250mila euro in banca e appartamenti vari ! Ha fatto la fine che meritava.

    Report

    Rispondi

blog