Cerca

Bombe a Equitalia: sbagliato, ma questo Fisco fa paura

Soltanto lo 0,00055% degli italiani ama gli esattori. La risposta: Ma chi li attacca sta facendo il gioco degli evasori fiscali

Bombe a Equitalia: sbagliato, ma questo Fisco fa paura

Il dibattito sulle intimidazioni ad Equitalia. Giuliano Zulin condanna gli attentati, ma spiega che questo fisco fa paura. Risponde Marco Gorra, che spiega: quelli che attaccano gli esattori fanno il gioco degli evasori. Segue l'articolo di Giuliano Zulin.

Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% in mano all’Agenzia delle Entrate e 49% all’Inps), incaricata «dell’esercizio dell’attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi. Il suo fine è quello di contribuire a realizzare una maggiore equità fiscale, dando impulso all’efficacia della riscossione attraverso la riduzione dei costi a carico dello Stato e la semplificazione del rapporto con il contribuente». Il fine è dunque nobile: pagare tutti per pagare meno, si dice. Però il fine non giustifica i mezzi... Milioni di contribuenti   impazziscono quando sentono pronunciare la parola Equitalia: perché? Se a casa ti arriva una cartella esattoriale per una multa o una bolletta già pagata due anni fa, devi perdere delle ore per recuperare le ricevute e poi un’altra mezza giornata per recarti all’Agenzia delle Entrate e dimostrare che i signori del Fisco hanno sbagliato. «Scusi, il computer ha commesso un errore». Risposta: «No, il computer non ha colpe, è chi lo usa che sbaglia...».

E vogliamo parlare delle cartelle pazze? Scambi di persona o notifiche mai spedite... Errare è umano, ci mancherebbe, ma allora servirebbe meno presunzione e più rispetto per i contribuenti, che fino a prova contraria dovrebbero essere considerati innocenti, come nei processi penali. Invece abbiamo letto casi surreali. Il sito Lettera43 ha raccontato alcuni esempi fuori dal normale. Tipo il caso della signora Maria Lidia Picchiri, titolare di un’azienda consorziata con l’Aci di Cagliari: da una busta Equitalia ha appreso che  per un debito di 5 centesimi del 2009 doveva pagare 62,03 euro, cioè il 1240% in più. Oppure la storia di Nunzio. Autista da una vita, aveva accumulato multe per 4.500 euro: «Il mio titolare non si è curato di pagarle e l’importo dovuto a Equitalia è cresciuto fino a 19.500 euro. Ebbene, per questa cifra mi è stata portata via una casa da 300mila euro». Stiamo parlando di casi limite, ma non è un caso se le lettere di apprezzamento pubblicate sul sito di Equitalia sono soltanto 22: quindi, su circa 40 milioni di contribuenti solo lo 0,00055% ama gli esattori.

Che poi tutta questa caccia ai presunti evasori, con sequestri, confische e super multe, non sembra dare risultati esaltanti sul fronte del recupero delle tasse inevase. Basti pensare che il  Fisco in Italia incassa solo il 10,4% dell’accertato. Un dato scoraggiante se paragonato all’America, che incassa il 94%, alla Gran Bretagna, 91%, e alla Francia, 87 per cento. 

I grandi numeri non  si fanno con le piccole cifre. E il sopruso non si combatte con le bombe. Semplicemente  lo Stato sa chi dichiara zero euro: ecco, potrebbe  andare a casa da questi signori e chiedere spiegazioni, piuttosto che massacrare chi non paga tre multe...

di Giuliano Zulin

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • metallurgico

    14 Gennaio 2012 - 23:11

    forse zulin si riferisce ad un fisco giusto, intelligente con una testa pensante. Ma non e' certamente il fisco italiano che il suo lavoro lo fa' esattamente al contrario di come dovrebbe essere fatto, con tanta sottile furbizia pochissima intelligenza e sopratutto senza la minima idea degli enormi e irrimediabili danni che sta provocando al paese.

    Report

    Rispondi

  • beatles14

    05 Gennaio 2012 - 01:01

    L'unica cosa che mi fa sentire meglio , in questo periodo è la notizia di attentati contro chi avvelena la vita agli Italiani. Sarebbe bellissimo sentire che c'è stato un bel bombardamento che ha spazzato via di colpo i papaveri europei ed europeisti. Che goduria! Prima di Equitalia io mi concentrerei su Bruxelles. A questi vigliacchi basterebbe una strizza come si deve, vedi che poi ci penserebbero bene prima di proporre ancora i loro ineffabili "SACRIFICI"

    Report

    Rispondi

  • ovidioeduardomonaco

    04 Gennaio 2012 - 19:07

    Conosciamo poco la storia !!! nei secoli chi ha messo bombe per l'autorità dell'epoca era un "terrorista", mentre per l'autorità subentrata era un "eroe" se vivo e "martire" se morto-- E' accaduto anche appena 60 anni addietro !!! il problema dell'--UOMO-- è che non percepisce la "misura"!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Ottima è la misura, a VOI trovarla

    Report

    Rispondi

  • giusebono

    04 Gennaio 2012 - 18:06

    niente paura... per EQUITALIA. LE BOMBE erano di.....carta. non ce intenzione di far male al corpo... ma allo spirito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti