Cerca

Lele Mora resta in carcere Tentare il suicidio non è servito

Respinta la richiesta di scarcerazione avanzata dall'agente dei vip per problemi di salute; per i giudici c'è il pericolo di fuga

Lele Mora resta in carcere Tentare il suicidio non è servito

Lele Mora resterà in carcere, . I giudici del Tribunale del Riesame di Milano, infatti,  hanno nuovamente bocciatò l'istanza di revoca della carcerazione presentata dai legali del manager. Ancora non si conoscono le motivazioni dei giudici anche se, a quanto si apprende, il Tribunale avrebbe motivato la sua decisione sulla base del pericolo di fuga. L'agente dei vip aveva chiesto la scarcerazione per gravi problemi di salute. Martedì era andato a trovarlo il deputato del Pdl, Alfonso Papa che successivamente aveva dichiarato "Lele Mora si trova in condizioni psicofisiche drammatiche: è provato, depresso,  dimagrito di 35 chili, con la barba folta. E' irriconoscibile". L'agente dei vip è in carcere dal 20 giguno scorso per  la bancarotta della sua Lm Managment, per la quale ha patteggiato la condanna a 4 anni e 3 mesi. Verso la fine dell'anno Lele Mora aveva tentato di suicidarsi applicando dei cerotti a bocca e naso senza tuttavia riuscirci.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    06 Gennaio 2012 - 20:08

    Lo dico senza nessun intento polemico,colmi la sua palese ignoranza sui magistrati e sui processi penali in Italia.Si formi con ricerche sul tema del diritto penale,acquisti dei libri,per esempio " Magistrati L'Ultracasta " o altri dello stesso tenore ,che raccontano cosa succede nelle aule giudiziarie.Dice che è stata una stupidaggine la scarcerazione?Dice che siamo troppo garantisti?Il numero degli innocenti in carcere dicono che lei ha torto.Riguardo al processo Mills ,su tre parole ha fatto tre errori,pure grossolani.In pratica le sue idee si formano su una scarsa conoscenza della materia.Se vuole discutere ,pure con le limitazioni che può avere un forum, sarei lieto di insegnargli cose che evidentemente non conosce.Sempre a sua disposizione,la saluto.

    Report

    Rispondi

  • nessuno1

    04 Gennaio 2012 - 21:09

    Per il fratello di Riina hanno annullato l'arresto per una stupidaggine... purtroppo il sistema giudiziario italiano è garantista e ci sono 3 gradi di giudizio (senza bloccare la prescrizione). Non arrestano un presidente del consiglio per corruzione in atti giudiziari dopo che Mills ha ammesso di essere stato corrotto a favore dello stesso Presidente perchè ha ritrattato dicendo di essersi trovato sotto shock. Purtroppo non si possono piu' arrestare delle persone per falso in bilancio visto che il sig. Berlusconi dopo aver fatto falsi in bilancio, ha depenalizzato il reato per rimanere "incensurato". In un certo senso vi invidio.. meglio non capirle certe cose che capirle e rovinarsi il fegato per lasciare al potere una feccia simile.

    Report

    Rispondi

  • lucaschiavoni

    04 Gennaio 2012 - 20:08

    scusate ma la legge italiana, come strepitava tanto Berlusconi e avvocati, dovrebbe fare differenza tra un incensurato ed un recidivo: Lele Mora nel 90 è stato arrestato e carcerato per spaccio di droga. Il suo negozio di parrucchiere era un circolo di vip, escort e coca. Dopo 20 anni torna in carcere, patteggia la pena, e l unico responsabile non è la magistratura, ma I SUOI comportamenti illegali, recidivi. come mai nessun giornale ne parla sul fatto che aveva precedenti, e grossi ?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    04 Gennaio 2012 - 20:08

    Perchè il fratello di Riina deve andare a casa?Perchè i cammorristi ,pur condannati devono essere scarcerati?Solo adesso,perlopiù con uno caduto in disgrazia fai il feroce,mentre con i malavitosi di un certa levatura stai muto.Cos'è hai paura dei magistrati?Hai paura a criticarli?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog