Cerca

Cortina, dopo blitz fisco incassi salgono del 400%

Gli 007 delle Entrate smascherano i furbetti. Pizzicate 42 persone che dichiarano 30mila euro. Boom degli incassi di ristorani e negozi

Cortina, dopo blitz fisco  incassi salgono del 400%

Dopo il blitz degli 007 del fisco a Cortina - una squadra composta da 80 unità che ha suscitato polemiche e discussioni - filtrano i primi risultati dell'assalto anti-evasori. Il primo dato fa un certo effetto: oggi, mercoledì 4 gennaio, gli incassi degli esercizi commerciali dell'incantevole cittadina (nel paniere sono compresi alberghi, bar, ristoranti, gioiellerie, boutique, farmacie e saloni di bellezza), comunica l'Agenzia delle Entrate del Veneto, "sono lievitati rispetto sia al giorno precedente sia allo stesso periodo del 2010. I ristoranti hanno registrato incrementi negli incassi fino al 300% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno, i commercianti di beni di lusso fino al 400% rispetto allo stesso giorno dell'anno prima, i bar fino al 40% rispetto allo stesso giorno dello scorso anno (+104% rispetto al giorno prima)".

Auto di lusso - Gli 007 del fisco hanno anche messo sotto la lente le dichiarazioni dei proprietari di 251 auto di lusso di grossa cilindrata. E' emerso che delle 133 auto intestate a persone fisiche, 42 appartengono a dei cittadini che hanno dichiarato 30mila euro lordi di reddito sia nel 2009 sia nel 2010 (difficile, dunque, che se le possano permettere), mentre 16 auto sono intestate a contribuenti che hanno dichiarato meno di 50mila euro lordi (altrettanto difficile immaginare che vadano a spendere la maggior parte, anzi più del loro reddito lordo, per un Suv o una simile vettura). E non è tutto, poiché gli altri 188 bolidi intercettati risultano intestati a società che sia nel 2009 sia nel 2010 hanno dichiarato in 19 casi di essere in perdita, mentre in altri 37 casi hanno dichiarato meno di 50mila euro lordi.

Nessun documento - Tra i casi più significativi emersi nel corso dell'operazione, anche quello di un commerciante che deteneva beni di lusso in conto vendita per più di 1,6 milioni di euro senza però avere alcun documento fiscale. Per il blitz dolomitico degli 007 del fisco sono stati messi in campo 80 agenti che hanno controllato 35 esercizi commerciali su un totale che si avvicina al migliaio. Secondo l'Agenzia delle entrate, l'operazione ha portato "risultati e informazioni utili per il recupero dell'evasione". L'operazione, prosegue il comunicato, fa parte della "normale attività di presidio del territorio di competenza dell'Agenzia delle entrate, svolta non solo in Veneto ma su tutto il territorio nazionale".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fabrizioch

    05 Gennaio 2012 - 20:08

    ma questa non è una notizia eclatante, dovrebbe essere normale routine.- Quanti sono in Italia, gli ISPETTORI pagati dai contribuenti che dovrebbero TUTTI i giorni, in TUTTA Italia, in TUTTI i settori, ISPEZIONARE , ognuno nel proprio settore ?? Quanti sono gli ispettori delle ag. delle Entrate, della Guardia di Finanza, dell' INPS, dell' INAIL, dell' Ispettorato del Lavoro, ed altri ... del nostro Paese?

    Report

    Rispondi

  • spalella

    05 Gennaio 2012 - 17:05

    Questa è l'ennesima prova che le NORME del fisco italiano NON SONO ADEGUATE ALLE NECESSITA'. Se si registrano gli incassi SOLO il giorno dopo la visita della finanza vuol dire che NON ci sono strumenti e quindi NORME che rendano quaotidiana questa solerzia. I dipendenti pagano tutto ma non possono scalare nulla, e quindi chi incassa fatture e parcelle NON dichiara nulla, NO ? lo capirebbe anche un cretino. I politicanti sono DISONESTI ma non certo cretini, e certo non adottano prevvedimenti ONESTI, e queste riforme non le fanno.

    Report

    Rispondi

  • luquito

    05 Gennaio 2012 - 08:08

    Avevo letto i commenti all'articolo precedente che informava sul blis della GdF e alcuni lettori tra guerre fratricide commentavano dicendo "perchè al nord e non al sud" o "ma chi si credono di fregare".Peccato che il Blitz, che doveva essere mediatico, si è trasformato in una operazione importante,scovando l'80% di anomalie da verificare.Credo personalmente che l'agenzia dell'entrate dovrebbe evitare di rompere le balle ai cittadini che x errore sul 730 devono al fisco 30€ e dovrebbero impegnarsi a semplici controlli incrociati su dati facili da reperire e confrontarli con le dichiarazioni dei redditi.Non esistono solo gli evasori totali.

    Report

    Rispondi

  • Megas Alexandros

    05 Gennaio 2012 - 08:08

    il Governo ha dei testimonial a costo zero (ci mancherebbe altro) con cui fare lo spot pubblicitario sull'evasione fiscale.....LI VOGLIAMO VEDERE IN FACCIA STI POVERACCI!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog