Cerca

Proiettili alle sedi Esatri: adesso non li mandano soltanto gli anarchici

Paura a Livorno, busta con rivendicazione: "Non siamo anarchici, non c'entriamo con Roma". Minacce anche a Modena e Caserta

Proiettili alle sedi Esatri: adesso non li mandano soltanto gli anarchici

Una busta con proiettili al direttore della sede Equitalia di Livorno, ma questa volta non sarebbero stati gli anarchici a spedirli. La busta è stata recapitata questa mattina in via Indipendenza, indirrizzata al direttore dell'ufficio. Il personale dell'agenzia, insospettito, si è reso conto che c'era qualcosa di strano ed ha chiamato le forze dell'ordine. Dentro il plico, oltre a una pallottola 7,65, è stata rinvenuta una lettera dattiloscritta con varie accuse all'agenzia. Nel testo non ci sarebbero rivendicazioni anarchiche, anzi chi l'ha spedita preciserebbe esplicitamente la lontananza da qualsiasi ideologia anarchica e dagli episodi accaduti a Roma di recente. Sintomo che il malcontento e l'insofferenza potrebbero essersi diffuse in maniera preoccupante. Sul posto sono arrivati gli agenti della Digos e della scientifica della questura.

Intimidazioni a Modena - Che la situazione sia al limite, al di là delle sparate di Beppe Grillo, lo testimoniano anche altri due episodi. Un pacco contenente polvere da sparo e destinato all'Equitalia di Caserta è stato intercettato dalle Poste, insospettitesi per la mancanza del mittente. Sono stati avvertiti gli artificieri della Polizia che dopo aver isolato il pacco hanno scoperto la povere da sparo. All'interno una lettera minatoria indirizzata all'Ente. Nella notte tra martedì e mercoledì a Modena, invece, uno pneumatico d'auto bruciato e due fogli scritti a mano sono stati lasciati davanti alla sede della direzione provinciale di Equitalia, in via delle Costellazioni. Il messaggio scritto sui fogli anonimi recita: "Se la macchina dello Stato risparmia sempre e solo sulle gomme, prima o poi si bruceranno. Se il governo non ascolta il suo popolo, si riprenderà il governo città per città". Sempre a Modena, nella notte tra il 30 e il 31 dicembre, era stata danneggiata probabilmente con una molotov la vetrata della sede di via Emilia Ovest di Equitalia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fatti neri

    06 Gennaio 2012 - 23:11

    se il capo dichiara che singoli errori sono normali quando un'azienda invia 10 milioni....di cartelle e considera questi errori NUMERI per volontà parlamentare per poteri conferitogli e nel contempo si beccano il 9% di agio "flat" la rabbia la fanno esplodere ancor di più: dietro i numeri poi ci sono persone no? dietro quel 9% chi c'è? sempre persone o no? e sù diciamo che FANNO UTILI e non guardano se trattasi di famiglia o evasore....mini evasore poi...quelli veri li sfiorano, neanche risultano...stanno in svizzera nel cantoncino loro. fatti neri

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    06 Gennaio 2012 - 22:10

    Brutti segnali.Veramente brutti.Se l'anarchico,esautorato dal mettere bombe per sua natura,è sostituito dall'uomo qualunque c'è da fare ballare l'occhio sul serio.La fame è brutta per tutti.Meno...per alcuni.Mandare il governo tecnico a casa ed indire nuove elezioni al piu' presto.Subito dopo nazionalizzare le banche,stamparci in proprio la moneta SOVRANA uscire dall'Euro e dall'Europa prima che sia troppo tardi.In caso contrario:sovvertimento dello stato in maniera cruenta.

    Report

    Rispondi

  • stefano 1991

    05 Gennaio 2012 - 23:11

    CHI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO, questo e' il termine giusto per equitalia. si dira' che rispettono la legge, ma noi cittadini siamo vessati in tute le maniere. Equitalia deve solo capire che non si puo' avere questo comportamento col cittadino. CHI E' CAUSA DEL SUO MAL PIANGA SE STESSO.

    Report

    Rispondi

  • antonimo

    05 Gennaio 2012 - 19:07

    Ma è mai possibile che questa miserabile classe politica non si renda conto che non è possibile avere creato un mostro giuridico come Equitalia che applica interessi da usura per un ritado nei pagamenti fino a portare persone oneste in difficoltà alla disperazione ed al suicidio ? E' mai possibile considerare normale uno Stato che lucra in modo indegno sui ritardi nei pagamenti delle bollette? Politici, attenzione, nel momento in cui la gente vi vedrà come "nemici" della loro sopravvivenza, non vorrei trovarmi nei vostri panni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog