Cerca

La Finanza non si ferma più: nuovi controlli a Portofino

Dopo il blitz a Cortina le fiamme gialle hanno setacciato la perla della Liguria. Sanzionato un commerciante su dieci

La Finanza non si ferma più: nuovi controlli a Portofino

Il sospetto che siano tutte (o quasi) operazioni mediatiche resta. Il fisco continua a setacciare le località turistiche per stanare i furbetti delle tasse. Supercar, alberghi di lusso, ville, ristoranti: controlli a tappeto e la certezza di attirare l’attenzione. Magari per mettere un po’ di paura. La Guardia di finanza parla di «attività ordinaria», ma dopo il caso Cortina la presenza delle Fiamme gialle, ieri, nelle località vip della Liguria, in particolare a Portofino e a Santa Margherita, non è passata inosservata. Un centinaio i controlli effettuati negli ultimi giorni dagli uomini del Comando provinciale di Genova, che si sono concentrati in particolare sull’emissione di ricevute e scontrini fiscali. «I dati rilevati non sono significativi», hanno spiegato alle agenzie di stampa i vertici delle Fiamme gialle. «Dai primi riscontri soltanto un commerciante su dieci risulta non avere emesso lo scontrino fiscale».

Una media di gran lunga inferiore a quella riscontrata nello stesso periodo dello scorso anno, quando la media degli evasori è stata di un commerciante su quattro. Ha parlato di «attività di routine», anche il capo di stato maggiore del Comando regionale Liguria. Il generale Maurizio Tolone è diretto interessato. «Effetto Cortina? È normale che certi controlli si facciano nei periodi di festa - sottolinea - quando cioè le località di villeggiatura sono più frequentate e la gente se lo aspetta di meno». «Io dei controlli non mi sono accorto - ha affermato il sindaco di Portofino, Giorgio D’Alia - e comunque, se sono stati fatti, non hanno creato nessun problema. Qui a Portofino è tutto tranquillo».

Diversa la reazione a Cortina. Dove si parla senza mezzi termini di fuga dei turisti proprio per paura del fisco. La pensa così anche Daniela Santanché. E l’ex sottosegretario non è l’unico esponente del Pdl a criticare le ultime mosse del fisco. Secondo Maurizio Gasparri la lotta all’evasione «va condotta con equilibrio» mentre per Osvaldo Napoli bisogna «colpire l’evasione e non la ricchezza». Obiettivo degli sceriffi del fisco è aumentare gli incassi. Undici miliardi nel 2011, con l'auspicio di arrivare a 13 miliardi nel corso di quest’anno. La lotta all’evasione portata avanti dall’agenzia delle Entrate si farà sempre più stringente. Vita dura, quindi, per i furbetti delle tasse.    

Qualche risultato  si vede. In tre anni, secondo il dg, Attilio Befera, sono stati recuperati circa 35 milairdi. Da gennaio a novembre 2011 la lotta all’evasione ha portato nelle casse dello Stato 10 miliardi di euro che, in base alle stime, dovrebbero essere saliti a 11 nell’intero anno. «Il problema - ha sottolineato recentemente Befera - è non mollare mai». Lo montagna da abbattere è altissima: l’evasione vale 120 miliardi, quella che Monti ha definito la «parte importante di ricchezza che fugge alla tassazione, accrescendo così la pressione tributaria su chi non può sottrarsi al fisco».

di Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    10 Gennaio 2012 - 14:02

    imbroglioni minacciano crociate??

    Report

    Rispondi

  • 654321

    10 Gennaio 2012 - 11:11

    Ma possibile non se ne stia accorgendo nessuno? I previlegiati statali sghignazzano, gli autonomi che pagano e messi nel calderone dai controlli e maldicenze ancora accerchiati dalle fiamme gialle!! Eppure questa volta a dirigere ci sono gli scenziati!! Ancora si vuol mettere fumo negli occhi facendo di tutta un'erba un fascio!! Gli statali hanno la paga sicura, fanno i ponti, vanno in vaganza all'estero,nessuno li licenzia, possono sentirsi male, vanno per negozi ed esigono sconti, e godono di tutto questo!! Finira' male !! Molto male!! Che gli scenziati sappiano tutto questo !! Che gli scenziati facciano controlli mirati,non un rastrellamenti a tappeto!!! Basta generalizzare tutti sanno dove si posano le aquile,e' li che si deve andare prima che scoppi una bomba terribile!!!M.G.orb

    Report

    Rispondi

  • roda41

    09 Gennaio 2012 - 10:10

    hanno davvero ROTTO!!!!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    09 Gennaio 2012 - 10:10

    e no, caro Blues! contento di darti un dispiacere ma da rapporti ufficiali dell'Agenzia delel Entrate, pubblicate alcune settimane fa e ancora ribadito ieri all'ARENA, al sud c'è il più alto numero di evasori, comprensibile; ma il malloppo più consistente è al nord, altrettanto comprensibile. In valore 1° Nord, 2° centro, 3° sud

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog