Cerca

Omicidio Roma, due decreti di fermo per i maghrebini

Si stringe il cerchio sui killer dei cinesi di Tor Pignattara. Uno dei due ha precedenti penali per rapina, l'altro è incensurato

Omicidio Roma, due decreti di fermo per i maghrebini
Probabile svolta nel caso del duplice omicidio di Tor Pignattara: la Procura di Roma ha emesso due decreti di fermo all'indirizzo dei possibili killer del 31enne cinese Zhou Zeng e di sua figlia Joy, 9 mesi, assassinati senza pietà di fronte al bar dove lavorava il 31enne. Gli inquirenti hanno stretto il cerchio intorno a due maghrebini identificati dai carabinieri del nucleo investigativo di via Selci grazie alle immagini di una telecamera nei pressi del casolare abbandonato dove sono stati ritrovati lo scooter, un Sh300 risultato rubato, i due caschi, le borse e il bottino della rapina. I due sospetti sono ricercati in Italia e all'estero, uno potrebbe essersi spostato al Nord.

L'identikit - Uno dei due ricercati ha precedenti per rapina e ricettazione ed è stato individuato grazie alla foto segnaletica, mentre l’altro risulta incensurato. Comunque i nomi e i volti dei due killer sono nelle mani degli investigatori. Tra i reperti trovati nel capannone, tra cui la borsa rubata alla moglie della vittima, il borsello di Zhou Zeng e il bottino di 16mila euro è stata trovata anche una maglietta sporca di sangue. Sono in corso accertamenti per chiarire se si tratti del sangue di uno dei due rapinatori o di quello delle vittime della rapina.

Fiaccolata a Milano - Nel capoluogo lombardo, dove risiede la seconda comunità cinese d'Italia per numero di appartenenti, domani alle 15 si terrà una fiaccolata per ricordare il duplice omicidio di Roma. La manifestazione, alla quale parteciperanno tutte le associazioni cinesi della città e provincia, partirà alle 15 da piazza Gramsci, nel cuore della chinatown milanese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Il_Presidente

    10 Gennaio 2012 - 21:09

    ammazza quanta ricchezza,morale,cultura e benessere ci donano! Adesso che i colpevoli si sono rivelati essere dei portatori di ricchezza africani, cosa diranno i babbei xenofili grazie ai quali attiriamo ogni anno la peggiore feccia delle peggiori etnìe globali?

    Report

    Rispondi

  • marcolelli3000

    10 Gennaio 2012 - 11:11

    licenziare subito 200-300 statali (che non servono), coi soldi si fa un carcere grande e si rinchiudono tutti i magrebini con precedenti penali. C'e' di mezzo la sicurezza nazionale, se costa troppo espellerli allora li teniamo in carcere. semplice. senza se e senza ma, subito. I magostrati di sinistra dovranno fare i conti con la gente, d'ora in poi. Basta con queste stupidaggini che chi ha precedenti penali va in giro per l'Italia come se niente fosse.

    Report

    Rispondi

  • francab

    10 Gennaio 2012 - 10:10

    gia' dalla notizia dell uccisione mi ero chiesta quali sarebbero stati i commenti e gli stati d animo della gente se a morire fosse stato un italico, ma a sentire il nostro caro presidente sbavare per questo povero, onesto lavoratore eccetera eccetera signore cinese mi sono sentita parte di una merdosa minoranza, e pure parassita essendo pensionata Ovviamente la morte di questo signore e della sua bambina e' una cosa dolorosa e mi spiace per loro, come mi sarebbe dispiaciuto per qualsiasi altro essere umano, ma non facciamone un caso di razzismo al contrario

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    09 Gennaio 2012 - 21:09

    ...stare con certi connazionali che fanno del razzismo alla rovescia.Il fatto di Roma vede individui propensi a ragionano con la pancia e non col cervello.Sono morbosamente curiosi,ipocriti e vivono di pettegolezzi. Vendono la pelle dell'orso prima di averlo cacciato,sputano sentenze come se fossero passate in giudicato.Fanno fiaccolate,altarini,animati da certezze che non posseggono e dopo qualche mese,a cose più certe e diverse da prima, sono pronti a rifare le fiaccolate dimenticando il motivo precedente come fosse niente. Oggi sono pronti a condannare,domani dimenticando,ne fanno della stessa persona un eroe.Brutte persone retrograde e inaffidabili abbiamo; fanno perfino del turismo in luoghi di delitto.Il Paese deve vergognarsi di costoro!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog