Cerca

Rai, a febbraio la riforma Monti vuol cacciare la politica

Premier e Passera, pronta la riforma della tv pubblica: più azienda e meno carrozzone. Politica messa all'angolo

6
Rai, a febbraio la riforma Monti vuol cacciare la politica

Febbraio sarà il mese della riforma Rai. Il premier Mario Monti, dopo aver avvisato gli italiani da Fazio a Che tempo che fa, ha avvertito anche il presidente di viale Mazzini Paolo Garimberti. Il prof e il ministro dello Sviluppo Corrado Passera stanno preparando nuove regole di nomina del consiglio di amministrazione e del direttore generale, i cui poteri cambieranno in modo sostanziale e lo renderanno simile ad un amministratore delegato. Una Rai più azienda e meno carrozzone.

Cda a dieta - L'0biettivo, senza innescare guerre inutili e controproducenti su tutti i piani, è diminuire il peso dei partiti. Più della governance, spiega Repubblica citando fonti di Palazzo Chigi, si dovrà incidere per separare la politica dall'azienda. Sarà sempre tempo di tagli: al numero dei consiglieri di amministrazione come per l'Agcom, dove i membri si dimezzeranno, da 8 a 4. Il 28 marzo scade il Cda Rai e quello sarà il momento: si parla addirittura di una riduzione da 9 a 3 consiglieri.

Supermanager - Al posto del direttore generale, spazio a un supermanager in stile amministratore delegato con amplissimi poteri. Per esempio, non dovrà essere vincolato a rendere conto settimanalmente del suo operato al Consiglio di amministrazione. Sarà anche un modo per mettere all'angolo i partiti, visto che la riforma va nella direzione delle proposte presentate dal Pd e da Alessio Butti del Pdl per istituire la figura dell'amministratore unico. Anche se dal parlamento le reazioni sono già tiepide, per non dire ostili. La riforma Rai, sottolineano i capigruppo Pdl Maurizio Gasparri e Fabrizio Cicchitto, "non è materia di competenza" del governo tecnico.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • silia000

    20 Gennaio 2012 - 10:10

    fuori politica e basta canone ,non capisco perchè pagare il canone rai quando fanno altrettanta publicità come a mediaset, cosa fanno di piu bello e diverso?? niente!! e quindi e un ladrocinio per gli utenti, per non parlare dei poveri pensionati che non arrivano a fine mese azz!!VERGOGNA!!

    Report

    Rispondi

  • fossog

    10 Gennaio 2012 - 19:07

    Non basta cacciare la politica... questo bestiale carrozzone statale ha costi tripli delle altre realtà similari, e ci deruba del canone senza alcun motivo. La Rai deve andare sul mercato, con i suoi privilegiati, i suoi raccomndati, i suoi servi dei partit., SE CAMPA BUON PER LEI, altrimenti che scompaia visto che di informazione e spettacolo ne abbiamo già fin troppo da altri soggetti tv.

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    10 Gennaio 2012 - 17:05

    domenica scorsa, prima dell'ora di pranzo, su raidue, ho contato dieci - dodici persone su un palco, per sentire la risposta ad una domanda su chi cantava un canzone; e per questa str ... ta, tanta gente improponibile e ovviamente strapagata anche con il mio canone..... ma non è questa un'estorsione ??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media