Cerca

Wojtyla nello spot del canone Maglie: Tutto per farci pagare

Polemiche sulla pubblicità Rai: "Un tributo per chi ha un unico credo" con le immagini di Papa Giovanni Paolo II. Guarda il video

Wojtyla nello spot del canone Maglie: Tutto per farci pagare

Un tributo è un tributo, cari sudditi italiani, se ve lo chiede Beato Wojtyla e il testo che accompagna  lo spot della Rai ve lo mostra e rimostra  in vita opere e miracoli, e intanto vi dice che pagare il canone è un obbligo, vi converrà crederci, e spaventarvi almeno un po’, almeno quanto vi chiede di spaventarvi  di lui, dei suoi uomini e delle sue sortite, il capo dell’agenzia delle Entrate, Attilio Befera, in preziosa e rivelatrice intervista con Maurizio Belpietro su Canale 5. Siete tutti minacciati, solo così capirete che il Moloch delle tasse deve essere saziato, e che non c’è spazio per saldi, sconti, detrazioni, riforme, dibattito democratico su quel che è giusto chiedere e che cosa in cambio si deve dare. Inutile prendersela con il governo Monti, a fallire clamorosamente sulle promesse liberali fu il Cav, oggi ci caricano di altre tasse, pardon, tributi, pardon, obblighi,  ma non c’è novità. C’è però saturazione, e c’è rabbia, la Rai che esige il suo tributo e non ammette critiche, provare per credere, forse dovrebbe riflettere sul nuovo atteggiamento del tartassato italiano. Dovrebbe sapere che se il suo è considerato il balzello più odioso, spaventare, intimorire, magari addirittura censurare chi onestamente lo scriva, non serve. Tanto più che ci ha pensato proprio il premier Monti a dire che il re è nudo, e proprio in tv, nel salotto del buonismo sinistrorso tanto apprezzato di Fabio Fazio, promettendo iniziative clamorose e imminenti per la Rai, frase che ha evocato altre parole e decisioni, come commissario, privatizzazione, e pazienza se gli esponenti di rilievo del Pdl hanno protestato, tanto questi vanno avanti, e dei limiti del mandato tecnico se ne infischiano. Forse, visto il vuoto pneumatico del Parlamento nell’ottemperare ai propri compiti, fanno perfino bene. 

 
Perché gli italiani detestano il canone e lo evadono? Perché si trovano nell’obbligo di pagare un’imposta per mantenere un’emittente che risponde anche a logiche di mercato in misura maggiore rispetto a quel che accade nella maggior parte del resto d’Europa. Secondo un sondaggio svolto su ottomila persone nei mesi scorsi dall’Ifel, il centro studio dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani), il 45,5% degli italiani considera il canone Rai il balzello meno digeribile. L’abbonamento Rai, secondo questo studio, sarebbe addirittura tre volte più detestabile del bollo auto,indicato come tassa più odiosa dal 14,2% degli intervistati. Tutto qui, non è un dato inventato da Libero, e se per tagliare i costi e pareggiare il bilancio, la Rai riduce corrispondenti, inviati, giornali, dunque  penalizza l’informazione e diminuisce l’informazione politica, piuttosto che altre trasmissioni di carattere più commerciale, l’opinione avversa degli italiani aumenta. E gli spot aggressivi infastidiscono.
 
Hanno infastidito anche il sonnecchiante mondo politico, in modo trasversale, altro argomento di riflessione. «Quanto è costato alla Rai lo spot per il pagamento del canone con Papa Wojtyla?». Lo chiede il parlamentare Donato Mosella di Alleanza per l’Italia, il Terzo Polo. «Non solo è di dubbio gusto usare le immagini di un Papa beato, probabilmente prossimo alla santità e amato come è Giovanni Paolo II per sponsorizzare il pagamento del canone, ma in un momento di grande crisi economica che colpisce pesantemente anche le casse della televisione di Stato, ci si aspetterebbe un uso maggiore delle risorse interne all’azienda». «Usare le immagini di un Papa amato come Giovanni Paolo II, beato e per giunta in odore di santità, per sponsorizzare il canone Rai - dichiara  Antonio Borghesi, vicepresidente dei deputati dell’Italia dei Valori - è una vera e propria strumentalizzazione». Anche Antonio Rusconi e Maria Pia Garavaglia del Partito Democratico sono decisamente contrari: «Il Ministro dello Sviluppo Economico Passera riferisca sull’opportunità della scelta operata dalla Rai di utilizzare l’immagine del Beato Pontefice Giovanni Paolo II per sensibilizzare i cittadini al pagamento di un’imposta che, secondo la rivelazioni di alcuni istituti di ricerca, è ritenuta ingiusta rispetto al servizio reso». Si sta spargendo la voce, o è una nostra impressione?

di Maria Giovanna Maglie

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    10 Gennaio 2012 - 14:02

    Ecco perchè sono ateo, agnostico, scettico, come volete, ma non credo in nessun dio. Per quanto riguarda il canone TV, c'è un sistema legale per smettere di pagare il canone (odioso). Si dà la disdetta ufficiale e si paga un vaglia (in lire, erano 10.000) per poter ottenere il sigillo, con un sacco di juta, del televisore. E' chiaro che passerà diverso tempo (anni) prima che gli incaricati Rai passino, col sacco di juta a fare il "lavoro" Uno spasso.

    Report

    Rispondi

  • libero

    10 Gennaio 2012 - 13:01

    anche in questo caso,pur non essendocene bisogno di sottolineare,un'altra dimostrazione di come da lor signori si tenga in conto la volonta'del popolo italiano che con ipocrisia e ciarlataneria,chiamano sovrano;percio'mi stupisco che a furia di decennali angherie e soprusi,l'italiano si sia ridotto ad una ameba informe ed amorfa,senza un limite alla sopportazione.

    Report

    Rispondi

blog