Cerca

Madre travolge e uccide suo figlio davanti alla scuola

Tragedia nel trevigiano: Emilio, 10 anni, resta incastrato con le cinghie della cartella nell'auto. La mamma si ferma troppo tardi

Madre travolge e uccide suo  figlio davanti alla scuola

Una tragedia nel trevigiano, a Revino Lago. La madre aveva accompagnato a scuola  suo figlio, Emilio Maset. Ma il piccolo è morto trascinato dal suo camper perché, secondo quanto ripoprta il Corriere Veneto, sarebbe rimasto incastrato con le cinghie della cartella. La donna non si sarebbe accorta e l'avrebbe trascinato per qualche metro e si sarebbe fermata solo dopo l'urlo di alunni e altri genitori. La madre aveva deciso di accompagnare il piccolo nell'istituto, in cui tra l'altro la donna lavora, con il camper: lo faceva spesso, anche con il fratello più grande, di 11 anni. Secondo quanto si è appreso, dopo essersi fermata davanti al cancello, sarebbe ripartita per parcheggiare senza accorgersi che il figlio era rimasto agganciato al camper con le cinghie dello zainetto. Il corpo di Emilio è stato trascinato per qualche metro e schiacciato poi dalle ruote del veicolo: il piccolo sarebbe morto sul colpo, e a nulla è servito l'intervento di rianimazione prestato dagli operatori del Suem, che aveva anche allertato l'elisoccorso.

65 baby-vittime nel 2011 - Nel 2011 sulle strade italiane hanno perso la vita in 541 incidenti gravi 65 bambini da 0 a 13 anni (38 femmine e 27 maschi) mentre 625 sono rimasti feriti. Ad aggiornare il tragico bilancio, dopo la morte del bimbo travolto dall’auto della madre a Revine Lago di Treviso, è l'Osservatorio Il Centauro-Asaps. L’anno precedente le vittime under 13 censite dall’Associazione amici sostenitori polizia stradale erano state 59: l’incremento è del 10%. Delle 65 giovanissime vittime (il 25% straniere) degli ultimi 12 mesi ben 45, pari al 69%, erano trasportate a bordo dei veicoli, un aspetto questo - fa notare il presidente Giordano Biserni - che "ripropone drammaticamente il tema del fissaggio dei nostri piccoli sui seggiolini: non si sa quanti di loro fossero regolarmente allacciati, anche se si può ritenere che una percentuale significativa non fosse trasportata a norma". Cinque piccoli sono stati travolti con la loro bicicletta, 14 erano a piedi per strada, in un caso il bambino era su un ciclomotore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    11 Gennaio 2012 - 18:06

    lo si guarda fino a che entra'? GENTE CHE LI LASCIA IN AUTO,GENTE CHE PARTE E VA,GENTE CHE LI UCCIDE,ma perchè Dio rende prolifica certa gente e altri ben più meritevoli,se li sognano dei figli?

    Report

    Rispondi

    • infobbdream@gmail.com

      infobbdream

      21 Agosto 2015 - 23:11

      perché dio è solo una invenzione dell'uomo, la risposta te la dai da solo, o credi al gatto e alla volpe che hanno inventato il personaggio o nella scenza e metti i piedi a terra.

      Report

      Rispondi

blog