Cerca

Taxi fermi il 23 gennaio La rabbia degli italiani

I sindacati nazionali protestano contro i provvedimenti sulle liberalizzazioni annunciate dal governo, spegneranno i motori

Taxi fermi il 23 gennaio La rabbia degli italiani

I taxi spegneranno i motori il 23 gennaio prossimo. Lo hanno deciso i sindacati nazionali dei tassisti, riunitisi a Bologna per protestare contro i provvedimenti in tema di liberalizzazioni del settore annunciati dal governo. In una nota, i sindacati di categoria hanno inoltre deciso che per lunedì 16 gennaio a Roma verrà convocata un'assemblea dei tassisti fuori turno presso il Circo Massimo. Quel giorno "una delegazione consegnerà all'Autorità Antitrust un documento dove saranno evidenziati gli errori e le negativitaà contenute nella recente segnalazione". Inoltre, "in caso di decisione unilaterale da parte del Governo - si legge ancora - la categoria si riserva di assumere tutte le iniziative ritenute piuù opportune". Intanto sul web monta la protesta degli utenti che lanciano su Twitter un controsciopero per protestare contro il fermo nazionale dei tassisti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    12 Gennaio 2012 - 23:11

    Motivo in piú per distribuire altre licenze. Ogni giorno di sciopero 50.000 licenze in piú, all'asta, non regalate a loro vedrete come si svegliano.

    Report

    Rispondi

  • schnee

    12 Gennaio 2012 - 11:11

    Ma andrebbero a fermare in modo fermo la politica e tutta la Casta. Così cari taxisti comincerete (alcuni di voi lo hanno già fatto con successo) ad andare sullo stomaco a chi vi dà da mangiare. E' ora di dire basta ai potentati, a cominciare da voi e poi magari altre caste di intoccabili...

    Report

    Rispondi

blog