Cerca

Nuova svolta sul caso Yara Sospetti su una donna

Gli inquirenti hanno fatto il test del dna: il cellulare della Fusciello avrebbe agganciato una cella nella zona della scomparsa

Nuova svolta sul caso Yara Sospetti su una donna

Potrebbe esserci una svolta, forse quella definitiva, nel caso di Yara Gambirasio, la ragazzina scomparsa e poi trovata uccisa poco lontano da casa, in provincia di Bergamo. Una donna di Cassino è stata sottoposta al test del dna dopo la scoperta che il suo cellulare avrebbe agganciato una cella della zona di Brembate il giorno della scomparsa della ragazza. La donna, proclamando la sua innocenza, si è detta "scioccata". "Non vedo che cosa c’entro io con tutto questo. Non sono mai stata a Brembate e vivo qui a 800 chilometri di distanza". Elisa Fusciello non sa spiegare come il suo cellulare risultasse a Bremate. Gli inquirenti temono che stia coprendo qualcuno.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • domino65

    13 Gennaio 2012 - 08:08

    Questa povera donna ha detto a Chi l'Ha visto che il numero non è nemmeno il suo. Ricordatevi che finchè l'inchiesta è in mano a quel pseudomagistrato Ruggeri, i colpevoli (si perchè non è ammissibile sia stato una sola persona), potranno vivere sonni tranquilli.

    Report

    Rispondi

  • angelocinque

    12 Gennaio 2012 - 21:09

    di Yara sino a mapello e più specifico davanti e dentro il cantiere e sino dentro un ripostiglio,ciò significa che la povera Yara,fu portata direttamente dentro il cantiere,questa non'è stata opera di uno sconosciuto ma degli operai,uono tra i tanti Fifri il marocchino il quale questa pista è stata tralasciata per seguire piste che non porteranno a nulla,almeno chè come dicevo,la signora non si trovasse lì perchè qualcuno degli operai del cantiere avesse che spartire con lei,ma mi sembra molto strano e anche assurdo tutto ciò. Un Mistero?

    Report

    Rispondi

  • angelocinque

    12 Gennaio 2012 - 21:09

    Faccio fatica a questa nuova ipotesi della donna del Cassinate,mi sembra come un mistero. Il telefono cellulare non corrisponde con l'tenza della donna. 2-il dna trovato sui vestiti di Yara è di sesso maschile,mentre il dna prelevato alla donna in questione è di sesso femminile. "Glì inquirenti temono che stia coprendo qualcuno" Ma questo qualcuno chi è?,visto che la pista di Yara è esclusivamente sugli operai del cantiere di mapello. Almeno chè la donna in questione abbia avuto contatti con qualcuno degli operai perchè nessuno estraneo di passaggio glì veniva per la testa di fare un rapimento e portare Yara dentro un cantiere a lui sconosciuto,per mè,questa ennesima pista porta a niente di concreto,solo chi conosceva il cantiere poteva entrare ed avventurarsi di portare Yara dentro il cantiere,e allora tutti quelli che hanno transitato quella sera non si finirà mai di prelevare dna. I cani molecolari,fecero un buon lavoro investigativo,dalla palestra seguirono le tracce di

    Report

    Rispondi

  • roda41

    12 Gennaio 2012 - 18:06

    Infatti, la signora a Chi l'ha Visto ha mostrato che mai è stata intestataria di quel numero!!!! Ma qua sta diventando un pericolo,tra giornali e indagini!!!! Perciò la gente si tira fuori e personalmente se vedessi un cadavere,avrei paura di avvisare,per quello che succede.Del resto NON SO SPIEGARMI.quel numero,che ha agganciato la cella di Bembrate,risulta intestato,a qualcuno scusate,?o è un numero ballerino fantasma?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog