Cerca

Polemiche sui soccorsi. S'indaga per naufragio e per omicidio colposo

Aperta un'inchiesta penale, nessun indagato. Un passeggero "Personale non sapeva cosa fare". Il procuratore: dobbiamo verificare chi era al comando

Polemiche sui soccorsi. S'indaga per naufragio  e per omicidio colposo

Il comandante della nave da crociera Costa Concordia viene interrogato in questo momento negli uffici della Capitaneria di porto dell'Isola del Giglio . Al comandante viene chiesto in particolare di ricostruire con precisione gli attimi che hanno preceduto l'incidente verificatosi ieri sera. La Capitaneria di porto ha aperto un'indagine amministrativa sulle cause dell'incidente, e anche sulla tempestività e adeguatezza dei soccorsi.

Omicidio colposo -Naufragio, disastro e omicidio colposo: questi i tre reati ipotizzati, al momento, dell'inchiesta aperta dal procuratore capo di Grosseto Francesco Verusio. Ad ora non ci sono ancora indagati, "dobbiamo verificare chi era al comando della nave, dove si trovava il comandante e capire le cause", spiega il procuratore.

Le polemiche sui soccorsi  - "E' stato un incubo, sembrava di essere sul Titanic, abbiamo veramente creduto di morire". Così alcuni naufraghi della nave della Costa Crociere hanno raccontato gli attimi vissuti. "Abbiamo sentito un botto enorme, sono cadute bottiglie e bicchieri c'erano urla in tutta la nave". C'è chi racconta cosa è successo e chi avanza le prime critiche. "Imbarcati sulle scialuppe avevamo molto freddo proprio perchè eravamo fuggiti dalla sala ristorante e quindi eravamo vestiti in modo leggero". Racconta così ai microfoni di Sky Tg24 le drammatiche fasi dello sbarco dalla nave da crociera Costa Concordia dopo l'incidente la giornalista  Mara Parmegiani Alfonsi che punta il dito anche sui soccorsi a terra."Non ci hanno dato neanche una bevanda calda.  Ora siamo su un pullman diretti verso Porto Santo Stefano diretti poi a Civitavecchia".  Per quanto riguarda le cause dell'incidente Parmegiani Alfonsi sostiene che secondo quanto le hanno riferito alcune fonti la  nave era "7 miglia fuori dalla propria rotta".

Un'altra passeggera racconta così quelle ore drammatiche."Eravamo a cena ieri sera quando ha cominciato a tremare tutto, la luce è andata via e la gente ha cominciato a gridare aiuto. Un'ora dopo è suonata la sirena ed è stato dato l'ordine di evacuazione. Siamo andati alle scialuppe, ma non tutte andavano in acqua, alcune sono cadute sui ponti e c'è chi è rimasto ferito o contuso". Questa la testimonianza di due turiste che erano a bordo della nave Costa Concordia naufragata all'isola del Giglio. Ilaria, 23 anni di Roma, e Safa 22 anni di Perugia, erano in crociera per seguire un corso di formazione. "Dopo che ha tremato tutto - continua il loro racconto - la nave ha cominciato a piegarsi su un lato. Nella sala ristorante sono caduti oggetti, bicchieri, vassoi e piatti. Ci siamo anche feriti ma la cosa più drammatica è sentire la voce delle persone, in particolare delle mamme, chiamare i propri familiari, soprattutto i bambini. Era buio e non sapevamo cosa fare. La gente cadeva in terra mano a mano che la nave si inclinava. Sentivamo la voce del comandante ma abbiamo pensato a correre verso un'uscita". "Dopo l'incidente ci siamo diretti verso i punti che ci indicavano e abbiamo cercato di prendere un giubbotto salvagente - continua Parmegiani Alfonsi- mentre il comandante cercava di rassicurarci. Poi ci hanno imbarcato sulle scialuppe di salvataggio ma il personale non era assolutamente adatto a svolgere i compiti che gli erano stati assegnati. Sulla scialuppa dove ero imbarcata io hanno cambiato anche il conducente. Dei giubbotti salvagente non funzionavano neanche le luci".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    15 Gennaio 2012 - 10:10

    Paradossi all'italiana...Come tentare di far passare un "bisonte" del mare, a raschiare il fondo, in mezzo alla cruna d'un ago? Ma quante volte era già riuscito? Dove ci si potrebbe chiedere se il mare calmo di questi giorni non sia stato addirittura una sfortuna? Da più parti si paragona "l'incidente" alla nave Costa Concordia, avvenuta davanti all'Isola del Giglio a quella più famosa del Titanic. Il confronto lo trovo affrettato ed irriverente, a danno del Titanic, per responsabilità e serietà dell'evento. Scoglio contro iceberg, distanza dalla costa...inconfrontabili, tempi molto lontani tra loro con tecnologie ora molto più avanzate...se tutto corrisponde, a sentire il Procuratore capo di Grosseto sembrerebbe che queste crociere avessero l'usanza di "salutare", passando davanti all'Isola, con suono di sirene...ma non è chiaro chi. (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    15 Gennaio 2012 - 10:10

    Il Comandante che abbandona la nave verso la mezzanotte, quando gli ultimi paasseggeri, alle sei del mattino, ancora stavano sulla nave. La Costa crociere che da anni è passata di proprietà U.S.A. Collegando il tutto e se tutto corrisponde, mi pare un altro allucinante disastro "all'italiana"...dove "qualcuno" avrebbe tentato di portare a spasso, via mare, una sorta di grattacielo, come fosse un "moscone" da spiaggia..una pretesa un pò eccessiva. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    14 Gennaio 2012 - 23:11

    Da più parti si paragona "l'incidente" alla nave Costa Concordia, avvenuta davanti all'Isola del Giglio a quella più famosa del Titanic. Il confronto lo trovo parecchio affrettato ed irriverente, a danno del Titanic, per responsabilità e serietà dell'evento. Scoglio contro iceberg, distanza dalla costa... inconfrontabili, tempi molto lontani tra loro con tecnologie ora molto più avanzate...se tutto corrisponde, a sentire il Procuratore capo di Grosseto sembrerebbe che queste crociere avessero l'usanza di "salutare", passando davanti all'Isola, con suono di sirene...ma non è chiaro chi. (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    14 Gennaio 2012 - 23:11

    Il Comandante che abbandona la nave verso la mezzanotte, quando gli ultimi paasseggeri, alle sei del mattino, ancora stavano sulla nave. La Costa crociere che da anni è passata di proprietà U.S.A. Collegando il tutto e se tutto corrisponde, mi pare un altro allucinante disastro "all'italiana"...dove "qualcuno" avrebbe tentato di portare a spasso, via mare, una sorta di grattacielo, come fosse un "moscone" da spiaggia...una pretesa un pò eccessiva. Meno male che un noto Cavaliere, sulle navi da crociera si è accontentato e limitato a fare solo...musica. E qui mi fermo. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog