Cerca

Due evasi da Regina Coeli: scappano con le lenzuola

Fuga da film dal carcere romano: albanese e romeno segano le sbarre e si calano giù dalla cella. Caccia aperta nella capitale

Due evasi da Regina Coeli:  scappano con le lenzuola

Un'evasione da film, quella avvenuta stamattina alle 8.30 dal carcere romano di regina Coeli. Due detenuti, un albanese di 29 anni e un romeno di 25, sono infatti riusciti a fuggire nel più classico dei modi: segando le sbarre della loro cella con una lima e poi calandosi a terra in via delle Mantellate grazie ad alcuni lenzuoli annodati l'uno all'altro. Un terzo carcerato, presente nella stessa cella, non sarebbe invece riuscito a scappare perchè troppo grasso per passare nel varco aperto dai due "colleghi" tra le sbarre. I due erano dentro per rapina e, scoperta la fuga, in tutta la capitale è scattata la caccia all'uomo; le foto segnaletiche sono state distribuite a tutti gli equpaggi della polizia, dei carabinieri, della guardia di finanza e dei vigili di pattuglia nella Capitale.

800 posti per 1200 detenuti - "La clamorosa, quanto rocambolesca, evasione di due detenuti dalla seconda sezione del carcere romano di Regina Coeli mette a nudo tutte le falle di una politica disattenta verso le criticità del sistema penitenziario" ha dichiarato Eugenio Sarno, segretario generale Uil Penitenziari. Mentre il garante dei detenuti del Lazio denuncia "una carenza enorme di agenti di polizia penitenziaria non soltanto a Regina Coeli, ma in tutte le carceri del Lazio. L'allarme è per tutta la regione perchè mancando il personale di notte i controlli si attenuano». I due evasi alla conta delle 3 di notte erano in cella. A Regina Coeli in questo momento ci sono 1200 detenuti mentre ne potrebbe contenere soltanto 800. Al sovraffollamento si aggiunge la cronica carenza di personale della polizia penitenziaria.

L'anno scorso 8 evasioni - Nel 2011, secondo i dati forniti dall'ufficio studi e ricerche di Uil penitenziari, si sono verificate 8 evasioni da strutture penitenziarie per un totale di 14 detenuti fuggiti. Sempre lo scorso anno, 21 sono state le tentate evasioni da penitenziari e due da strutture giudiziarie sventate dalla polizia penitenziaria. Nove i detenuti evasi dal lavoro all'esterno e 9 dal regime di semilibertà. Quaranta coloro che sono evasi da detenzione o arresti domiciliari e 47 i detenuti evasi da permesso premio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    15 Gennaio 2012 - 21:09

    Ritengo che molti prendono il loro lavoro con leggerezza. Dove sono finiti i controlli? Di questi tempi coloro che vengono incarcerati o escono laureati o evadono. Queste non sono fermi punitivi ma ferie, forse non nelposto voluto ma sempre ferie

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    15 Gennaio 2012 - 13:01

    Eh! quando c'era LUI !!

    Report

    Rispondi

  • alvit

    15 Gennaio 2012 - 10:10

    carceri e carcerieri di altri tempi, forse andavano bene per il tempo dei borboni. Se vogliono evitare certe fughe, e non e' la prima che fanno con le lenzuola annodate, basta dargli, come fanno con le posate di plastica, delle belle lenzuola di carta. Fine del problema e spenderebbero meno di lavaggio, cambi e pulizia. Mi sono guardato bene di scrivere di non dargliele, avrei attirato i beceri kompagni rossi, però...potrebbe essere un'idea.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    15 Gennaio 2012 - 01:01

    ricchezza scatenata per il Paese... gioiamo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog