Cerca

Trovati tre superstiti dopo 24 ore

Naufragio della Costa Concordia, ritrovata una coppia di sud coreani in viaggio di nozze e un ufficiale con una gamba rotta. 34 i dispersi

Trovati tre superstiti dopo 24 ore

 

Al largo dell'Isola del Giglio prosegue la corsa contro il tempo per salvare alcuni dei dispersi coinvolti nel naufragio della nave da crociera Costa Concordia. Due persone, una coppia sudcoreana in luna di miele, sono state tratte in salvo nella notte tra sabato e domenica: si trovavano a bordo della nave, e sono stati individuati dai soccorritori che hanno udito le loro voci dall'interno della cabina. La coppia è in buone condizioni di salute. E' stato poi raggiunto un terzo superstite bloccato sul ponte 3 della Concordia: è un membro dell'equipaggio, il capo commissario di bordo Marrico Giampetroni. L'uomo ha una frattura alla gamba e le operazioni per trarlo in salvo si sono rivelate più difficili del previsto. Il commissario è stato individuato grazie ai rumori uditi dai vigili del fuoco nel corso dell'ispezione della nave. Giampietroni si trova in un'area in parte allagata e che corrisponderebbe alla zona della nave che si trova al livello dell'acqua del mare. 
Morti e dispersi - Dopo il ritrovamento dei tre superstiti il numero dei dispersi è sceso a 34: altri 4 ragazzi giapponesi, ha comunicato il Viminale, sono stati rintracciati senza documenti, persi nel naufragio. Il morti accertati sono tre: due turisti francesi, Francis Serve e Jean-Pierre Micheaud, e un marinaio peruviano, Thomas Alberto Costiglia. Resta però la speranza che molti di quanti risultano dispersi siano riusciti a mettersi in salvo senza registrazione e che ci siano ancora delle persone vive a bordo della Costa Concordia. Si teme però che ad aver avuto la peggio possa essere una grande parte dell'equipaggio: personale di bordo, di vario nazionalità, che lavora nelle cucine e lavanderie, la parte della nave a contatto con il fondo marino. Nella mattinata di domenica sono riprese le ricerche subacquee dei sommozzatori, interrotte sabato sera per l'oscurità.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tempus_fugit_349

    16 Gennaio 2012 - 05:05

    Questa tragedia è il segno inequivoicabile della cialtroneria e della imbecillità che dominano in questo disgraziato Paese. Un cialtrone di "comandante" (sic) che naviga sottocosta per ricevere l'applauso degli imbecilli che guardano. Un sindaco che pensa che questa scemenza giovi al turismo. La compagnia Costa (ma sanno di cosa parlano?) che chiede alle Fiamme Gialle di agganciare e rimorchiare in mare aperto un colosso di qualche decina di migliaia di tonnellate. Ora coi aspettiamo di vedere gli stessi imbecilli che applaudivano al passaggio della Concordia applaudire anche al passaggio del funerale.

    Report

    Rispondi

blog