Cerca

Giglio, indagati 3 ufficiali Nuovo allarme: adesso è rischio ambientale

Sciagura del Concordia, allarme del ministro Clini. I pm: "Condotta del comandante Schettino azzardata. Poteva fuggire". La Costa lo scarica

Giglio, indagati 3 ufficiali Nuovo allarme: adesso è rischio ambientale
Una manovra "spregiudicata, azzardata, inescusabile". Così il procuratore di Grosseto Francesco Verusio ha definito la traiettoria scelta dal comandante della Costa Concordia Francesco Schettino che ha portato alla sciagura di venerdì sera, con la nave da crociera schiantatasi sugli scogli dell'isola del Giglio. I sei morti e i 16 dispersi (le ricerche e le operazioni dei sub continunano) sono dunque dovuti, secondo gli inquirenti, a qualcosa di più grave di un errore umano. Anzi, errori: la stessa Procura starebbe valutando l'invio di almeno altri tre avvisi di garanzia per altrettanti ufficiali della Concordia. A quanto hanno riferito diversi testimoni, alcuni alti ufficiali avrebbero infatti condiviso delle responsabilità con il comandante e anche loro avrebbero abbandonato la Costa Concordia ore prima della conclusione delle operazioni di salvataggio, imbarcandosi sulle scialuppe. Secondo quanto si apprende, per tre ufficiali sarebbero quindi in arrivo avvisi di garanzia con gli stessi capi di accusa del comandante: omicidio colposo plurimo, naufragio e abbandono di nave. Domani, in ogni caso, il gip del Tribunale di Grosseto interrogherà Schettino durante l'udienza di convalida del fermo disposto a suo carico. Intanto si teme per il possibile danno ambientale dopo la fuoriuscita in mare di carburante.


Comandante colpevole - Il procuratore capo di Grosseto, Francesco Verusio, ha parlato delle responsabilità di Francesco Schettino. "L'idea che ci siamo fatti nell'immediatezza del fatto sta trovando conferme dalle prime indagini delle forze dell'ordine e delle autorità marittime". Secondo quanto si è appreso, infatti, il comandante era su una scialuppa e non su una roccia, come invece aveva riferito in un primo momento. "Abbiamo optato per il fermo seguendo una nostra ipotesi relativa a un possibile pericolo di fuga del comandante perché, navigando da molti anni ha toccato vari porti in tutto il mondo e avrebbe potuto fuggire all'estero".

Le accuse - Si è appreso anche che a fronte delle comunicazioni forse mai partite dalla nave, le autorità marittime sono state avvertite dai parenti dei passeggeri. L'inchiesta mira inoltre a comprendere perché il comandante Schettino abbia voluto eseguire un inchino (ossia il saluto con la sirena ai porti da distanza ravvicinata) all'isola del Giglio, tanto da colpire gli scogli. Francesco Schettino è stato fermato per un concreto pericolo di fuga e per il possibile inquinamento delle prove. Si trova in carcere a Grosseto e aspetta l’udienza di convalida del gip dove per la prima volta potrà spiegare come ha agito ad un giudice. Le indagini proseguono von le testimonianze di soccorritori, membri dell'equipaggio  e croceristi. La testimonianza degli uomini della Guardia costiera potrebbe essere decisiva, che hanno individuato Schettino a riva molte ore prima che si concludesse l'evacuazione della Concordia. Invitato a risalire, il comandante non avrebbe obbedito all'ordine delle autorità. L’accusa di abbandono della nave con morti a bordo gli può costare fino a una dozzina di anni di carcere, senza contare quelli che gli saranno contestati per omicidio plurimo colposo e naufragio.

Costa lo scarica - Non solo i magistrati contro il comandante. Anche La Costa Crociere si è smarcata con decisione: "La manovra del comandante Schettino non è approvata e autorizzata dalla Costa", ha sottolineato in conferenza stampa Pier Luigi Foschi, il presidente e ad della Costa Crociere. "Non posso negare che ci sia stato un errore umano - ha poi aggiunto- noi daremo assistenza legale al nostro comandante ma non possiamo negare che ci sia stato un errore umano". Arriva invece l'assoluzione da parte della società per quanto riguarda la sua condotta nei soccorsi: "Per quanto riguarda il soccorso - ha affermato Foschi - tertimonianze interne indicherebbero che il comandante ha fatto quel che doveva". In ogni caso, ha aggiunto, "l'azienda in questo momento è parte lesa". Per inciso la Carnival (società con sede a Miami, quotata a New York e Londra, e proprietaria di Costa Crociere) crolla in Borsa dopo il naufragio: il titolo, a Londra, è arrivato a perdere il 23 per cento. A metà mattinata le perdite si assestavano intorno al 17 per cento.

Allarme ambientale
- E mentre peggiorano le condizioni meteo e i soccorsi si fanno sempre più difficili, si valuta anche l'allarme sul rischio ambientale dopo lo sversamento di combustibile in mare. Il ministro dell'Ambiente Clini ha avvertito che "il rischio per l'isola del Giglio è altissimo". I tempi per lo svuotamento dello scavo del Concordia si restringono sempre più.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberalettera

    17 Gennaio 2012 - 09:09

    Siete tutti malati!! Adesso è colpa del governo, vecchio nuovo o futuro. E' colpa della chiesa! Se ragionate così a voi che scrivete simili stron... non farei guidare nemmeno una bicicletta!!!

    Report

    Rispondi

  • aquila08

    17 Gennaio 2012 - 05:05

    Queste tragedie,assieme ai sucidi giornalieri,dimostrano l'egoismo e Cinismo dei governanti e confermano che il marcio ha intaccato le fondamenta Istituzionali. Di cosa dobbiamo stupirci se accadano simili tragedie,quando sono stati proprio i Maestri politici Massoni e protetti dal Vaticano a predicare questa Filosofia? Basta vedere in che Stato i politici hanno ridotto la Nazione con i vari malgoverni protetti dai vertici Istituzionali eletti per spartizione politica.

    Report

    Rispondi

  • gian60

    16 Gennaio 2012 - 20:08

    Con beneficio d'inventario perchè le notizie che circolano sono mooooolto da verificare, direi che siamo alle solite: l'eccesso di sicurezza unita ad una buona dose d'incoscienza (bisogna però averla la coscienza. . . ) provocano tragedie che potrebbero essere tranquillamente evitate. In questo caso cosa si pretendeva? Dribblare la costa come un autista di Smart dribbla le code ai semafori? Tutto questo con sotto il sedere 110.000 tonnellate? Ma mandate chi in comando in quegli istanti a comandare un pedalò arenato! ARENATO, mi raccomando, se in acqua e con quella testa lì, provocherebbe qualche danno sicuramente. Questo tremendo fatto è associabile ai ns/ politici: anche loro, dopo anni di manovre azzardate, non ci hanno forse arenato sulle secche della realtà?

    Report

    Rispondi

  • Ultimo Avamposto

    16 Gennaio 2012 - 19:07

    Il comandante Schettino è fuggito appena la nave ha iniziato ad imbarcare acqua. Anche questo esecutivo fa acqua da tutte le parti,eppure Monti non è fuggito. Purtroppo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog