Cerca

Il crollo verticale di Pisapia Sindaco sempre meno amato

De Magistris primo per gradimento, mentre il primo cittadino di Milano perde quasi 4 punti in soli sette mesi. Giù pure Formigoni

Il crollo verticale di Pisapia  Sindaco sempre meno amato

 

Nel giorno del battesimo di Area C, la tassa d'accesso al centro città, è una batosta quella che si abbatte sulla popolarità del sindaco di Milano Giuliano Pisapia. Il sondaggio condotto da Ipr Marketing e pubblicato oggi sul Sole 24 Ore indica infatti che il primo cittadino arancione ha dilapidato in sette mesi 3,6 punti percentuali, piazzandosi solo al 76esimo posto (su 104) tra i sindaci delle città capoluogo di provincia. Sicuramente, a Pisapia Area C non ha fatto bene (come a suo tempo Ecopass fece male a Letizia Moratti), ma anche le tasse e gli aumenti dei costi dei servizi voluti dalla sua giunta in questi pochi mesi di governo della città hanno inciso. Oltre a una condotta ben lungi da quel "dialogo aperto coi cittadini" che lo stesso Pisapia a lungo aveva sbandierato nel corso della campagna elettorale 2011.

Vola invece nel sondaggio il primo cittadino di Napoli Luigi de Magistris, primo in Italia per gradimento. E a sinistra tengono bene anche i sindaci di Bari e Torino, Michele Emiliano e Piero Fassino, a testimonianza che il caso-Pisapia non è da imputarsi a un trend della sua parte politica. Paga anche il sindaco di Genova, Marta Vincenzi, per la pessima gestione dell'emergenza maltempo nel capoluogo ligure dello scorso mese di novembre. Nella Capitale, stabile il Pdl Gianni Alemanno.

Tra i presidenti di Regione, la stessa indagine premia il pugliese Nicki Vendola, il leghista Roberto Cota in Piemonte e il collega Luca Zaia in Piemonte (primo in classifica), mentre "punisce" il lombardo Roberto Formigoni, che con un -5,1% scivola dalle prime posizioni alla dodicesima.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • D.P.F.

    17 Gennaio 2012 - 13:01

    Mi saprebbe dire che differenza c'é fra le due classificazione da lei fatte. A me sembrano equivalenti. Altrimenti si deve ipotizzare l'assoluta malafede.

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    17 Gennaio 2012 - 10:10

    Il 'pippa' è uno dei personaggi più squallidi ed insignificanti della storia politica meneghina. Un demagogo senza limiti all'inefficienza. Le panzane che ha raccontato in campagna elettorale sono state colpevolmente trascurate dai milanesi. Questo non toglie che l'incantatore di serpenti, sinistro-borghese, prima abbandona la carica di sindaco è meglio sarà per Milano. La 'capitale morale' non meritava di cadere tanto in basso perché governata da gente incapace. La cialtroneria di questa giunta ha comportato misure che si accaniscono contro i 'nemici piccolo borghesi' ed i lavoratori milanesi che usano i mezzi pubblici. Un 'pippa' alla guida della città più importante d'Italia. I ghirigori della sua giunta stanno portando lo sconcerto nei milanesi. La peggiore amministrazione della città dall'inizio del secolo scorso ad oggi. Una città condannata al grigiore da una amministrazione insulsa con a capo un demagogo senza limiti.

    Report

    Rispondi

  • marcello marilli

    17 Gennaio 2012 - 10:10

    rimango allibito nel leggere simile risultato sul gradimento di questo mentecatto di uomo . però è inutile meravigliarsi , anzi sorprendersi , stante il luogo e le persone sui quali viene fatto il sondaggio : a certa gente basta fregare lo stato , far pagare al paese le loro malefatte e la loro incapacità organizzativa in ogni campo , tutto questo li fa star bene e vivere "tranquilli". ma questa gente nel suo insieme è degna di essere italiana ? penso proprio di no anche se chi è senza peccato scagli la prima pietra, ma a tutto c'è un limite !! La ricordiamo la cassa del mezzogiorno ? : ma chi se la sarà presa ? Anzi rubata ! Ma quando crescerà questa parter del paeser , altrimenti suggeriamo anche a loro un referendum per aderire al nord Africa !!!!

    Report

    Rispondi

  • zucchetto

    17 Gennaio 2012 - 09:09

    Ai milanesi che hanno creduto alle ciance e che non hanno tenuto conto da quale parte venivano, gli dico "godetevelo"; ai milanesi che lo avevano intuito ed hanno votato qualsiasi altro gli dico che sono stati lungimiranti e li invito a tener duro. Più cose mette in atto il vostro sindaco e più si scredita, arriverà in fondo al mandato che non si voterebbe nemmeno da solo. zucchetto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog