Cerca

Omicidio Di Matteo, 5 ergastoli e 12 anni al pentito Spatuzza

La Corte d'Assise di Palermo ha emesso il verdetto nei confronti dei capimafia coinvolti nell'omicidio del piccolo sciolto nell'acido

Omicidio Di Matteo, 5 ergastoli e 12 anni al pentito Spatuzza

I giudici della Corte d'Assise di Palermo hanno condannato all'ergastolo i 5 capimafia, coinvolti nel sequestro e nell'uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo mentre il pentito Spatuzza dovrà scontare 12 anni di carcere. Gli imputata erano sei: il pentito Gaspare Spatuzza e i capimafia Giuseppe Graviano, Matteo Messina Denaro, accusato di avere gestito la permanenza del piccolo in provincia di Trapani, Francesco Giuliano, Luigi Giacalone e Salvatore Benigno. Il pm Fernando Asaro aveva chiesto nella sua requisitoria del novembre scorso cinque ergastoli: per Graviano, Messina Denaro, Giuliano, Giacalone e Benigno e la condanna a 10 anni nei confronti di Spatuzza. Il ragazzino era stato sequestrato il 23 novembre 1993. L’obiettivo dei mafiosi era tappare la bocca al pentito Santino Di Matteo, padre dell’ostaggio. Il collaboratore continuò invece a parlare e il figlio fu ucciso, e il corpo sciolto nell’acido, su ordine di Giovanni Brusca, nel gennaio 1996, dopo oltre due anni di prigionia.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 44carlomaria

    16 Gennaio 2012 - 18:06

    Mio bisnonno mi insegnò, negli anni '50, che il tempo è il miglior giudice. Oggi arrivano le condanne, non so se definitive, per un terribile delitto compiuto oltre 15 anni fa! Scommetto che il giudice si chiama Tempo. Asvedommia

    Report

    Rispondi

blog