Cerca

Risarcimento di 20mila euro per ogni passeggero

Allarme delle assicurazioni: un miliardo di danni compreso l'indennizzo per i clienti e le vittime (circa 430mila euro a persona)

Risarcimento di 20mila euro per ogni passeggero

Quattrocentocinquanta milioni di euro era il costo della Costa Concordia: una delle 15 navi della Costa Crociere, che è la prima compagnia di navigazione crocieristica italiana - che è inoltre pure proprietaria della tedesca Aida Cruises e della spagnola IberoCruceros - ma che con loro dal 1997 appartiene alla Carnival Corporation & plc di Miami. La World's Leading Cruise Lines, si definisce. 3 miliardi di euro di fatturato, 18.000 dipendenti e 2 milioni di passeggeri erano nel 2009 le cifre della Costa Crociere. 14,646 miliardi di dollari di fatturato, 2,330 miliardi di dollari di utili e 86.000 dipendenti nel 2008 le cifre dell’intera Carnival, che con 88 navi passeggeri capaci di 160.000 posti letto controlla il 49,2% del mercato mondiale.
Altri 60 milioni di euro corrispondono poi ai mancati incassi. A bordo c’erano circa 3300 passeggeri: per ognuno di loro il risarcimento potrebbe arrivare fino a 10-20.000 euro. Almeno 6 sono state le vittime, e ancora 16 sono i dispersi: per le vite umane, la responsabilità oggettiva dell’armatore può arrivare fino a 430.000 euro. E anche la settantina di feriti costerà oltre la media. C’era anche un migliaio di persone dell’equipaggio: quanti hanno contratti stagionali o a termine che svaniscono con l’imbarcazione, e quanti dovranno essere ricollocati in altre navi. E c’erano oltre 6 mila opere d’arte tra copie e originali, di 35 artisti contemporanei: sono state danneggiate? Sono coperte dall’assicurazione? Aggiungiamo le spese di recupero e i danni ambientali. Gli esperti concordano su un miliardo di euro di danni direttamente per il naufragio.
Ma poi ci sono gli impatti ulteriori. Combattendo la crisi con un’aggressiva politica di sconti e promozioni, la Costa Crociere nel 2010 era cresciuta del 12,1% come fatturato, del 16,7% come presenze giornaliere e del 18% come ospiti. Più o meno il doppio, rispetto alla media del mercato europeo. Ma dopo 10 anni di crescita continua nel 2011 la domanda aveva iniziato a frenare. È ovvio che questa pubblicità non sia la più desiderabile, per rimettere in sesto il settore. Va detto che Carnival ha un po’ recuperato rispetto alla primissima reazione della Borsa di Londra, ma comunque il titolo ha perso il 16,5%, e la stessa società prevede a questo punto per il 2012 tra gli 85 e i 90 milioni di utili in meno. Tra gli 11 e i 12 centesimi ad azione. Va ricordato che Costa Crociere ha sul sistema economico italiano un impatto da 2,2 miliardi di euro, con un gettito fiscale generato pari al 4,4% della finanziaria 2011. Con una ricaduta occupazionale di 12.300 unità, ogni 1.235 euro di retribuzioni lorde generate dall’economia nazionale, un euro è attribuibile all’attività di Costa Crociere.
Costa Concordia era stata poi costruita dalla Fincantieri, che da tempo traballa per la concorrenza di Paesi con manodopera più a buon mercato. Tra 2007 e 2010 gli ordini erano calati dai 4,2 miliardi di euro ad appena 1,9. E ci sono infine le assicurazioni: 30 milioni di dollari per la nave, 10 milioni per danni contro terzi, 2 miliardi per i passeggeri, un miliardo per l’equipaggio. Tra la decina di gruppi c’è anche Assicurazioni Generali, che ha fatto sapere di essere esposta solo marginalmente, ma il cui titolo alla Borsa di Milano ha comunque perso l’1,33%. Mentre Hannover Re, il quarto più grande ri-assicuratore del mondo, si attende una "perdita massiccia" superiore ai 10 milioni di euro.

Maurizio Stefanini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    17 Gennaio 2012 - 10:10

    Per il "Giglio" un romantico ed irragionevole gesto costato troppo; discutibile distintivo di un certo modo di essere Italiani? Ora dal momento che tra i "dispersi" ci sarebbero una decina di Tedeschi (gruppo più numeroso tra le possibili vittime?)...chi glielo dice alla Merkel di questa "arlecchinata pazzesca"? La leggerezza della folle sfida del comandante del Concordia ha portato ad una catastofe inammissibile...per soddisfare un "prurito" sentimentale, un comportamento in tempi di così grandi ristrettezze economiche che il solo pensiero avrebbe dovuto far riflettere sulla sua realizzazione (a maggior ragione da un ultra cinquantenne); voler far transitare un "grattacielo marino" così rasente la riva e su un fondale di pochi metri d'acqua (magari cercando di far "meglio" di chi l'aveva preceduto). (segue) Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

  • angelo.Mandara

    17 Gennaio 2012 - 10:10

    Gli esperti ci informano che al momento la nave è coricata su un gradino degli scogli sotto il quale avrebbe un ulteriore inabissamento con mare mosso e successivamente altro ancora se si dovesse alleggerire i serbatoi dal carburante (in cui perderebbe altra stabilità). Auguriamoci che l'annesso danno ecologico sia più circoscritto possibile soprattutto per quella attraente zona dell'Argentario e del suo turismo. Scatola nera e approfondimenti vorranno chiarire l'accaduto che scuoterà l'attenzione sulla più rigida osservanza delle norme marittime ed altre se ne vorranno aggiungere al pensiero che queste grandi navi da crociera (belle da vedere) sommano anche problemi di transitabilità, come pare verificarsi anche lungo la Laguna veneta, dove il passaggio rasenta troppo gli attracchi e, quindi, preoccupare i residenti stessi. Saluti. Angelo Mandara

    Report

    Rispondi

blog