Cerca

Tutte le balle di Schettino: "Sono caduto nella scialuppa"

Capitano del Concordia: "Ho sbagliato manovra, vittima dei miei pensieri". Ai domiciliari: "Non fuggirà". Ma può inquinare prove

Tutte le balle di Schettino: "Sono caduto nella scialuppa"
Nella sciagura, Francesco Schettino è stato fortunato. Il capitano del Concordia, in Tribunale davanti ai magistrati che stanno indagando sull'affondamento della nave, ha spiegato che al momento dello scontro era al comando e che nel caos dell'evacuazione non è fuggito ma è semplicemente caduto nella scialuppa. Poteva andargli decisamente peggio, dunque, anche perché mentre in mare sono rimaste 11 persone e 22 dispersi, lui prima se l'è cavata evitando il mare e mantenendo saldo il cellulare. Con lui, nella scialuppa sono caduto anche molti colleghi: coincidenza notevole. Terzo colpo di fortuna: il gip, nonostante tutto, gli ha concesso i domiciliari perché pur permanendo il rischio di inquinamento delle prove, non c'è rischio di fuga. Magra consolazione.

La seconda grottesca telefonata tra Schettino e De Falco su LiberoTv


Le scuse del capitano - Nell'interrogatorio di garanzia a Grosseto, il comandante accusato di omicidio colposo plurimo, naufragio e abbandono della nave ha spiegato: "Ho salvato centinaia, migliaia di persone e non ho abbandonato la nave. Dopo l'urto con lo scoglio il Concordia ha avuto uno sbandamento di 90 gradi. Non potevo risalire sopra", difendendosi dall'accusa di aver abbandonato la Concordia prima del termine delle operazioni di salvataggio dei passeggeri. "Provate voi se vi riesce a risalire su una imbarcazione in quelle condizioni, ci vuole un elicottero", ha ribadito il legale di Schettino, Bruno Leporatti. "Sono un bravo comandante", ha poi sottolineato, anche ammette di "aver sbagliato la manovra di avvicinamento alla costa, sono stato vittima dei miei pensieri. Conoscevo la rotta, l'avevo già fatta 4 o 5 volte, ma quello scoglio mi ha sorpreso". Come riportato dall'ordinanza del Gip di Grosseto che ha decretato i domiciliari, Schettino "ammette la propria imprudenza" ma ha tentato di "temperare l'enormità del suo errore con la manovra successiva, compiuta per evitare l'allontanamento della nave dalla costa del Giglio".

In difesa del comandante anche sua moglie, Fabiola Russo: "Sentiamo il dovere di respingere con forza qualsiasi tentativo di deligittimazione della sua figura - ha dichiarato -, invitando a comprendere la sua tragedia e il suo dramma umano". Il legale successivamente ha spiegato che "il comandante Francesco Schettino ha risposto lungamente a tutte le domande che gli sono state fatte durante l'interrogatorio di garanzia". Secondo il procuratore Francesco Verusio però "la ricostruzione dei fatti non ha modificato l'impianto accusatorio della procura".



 

"Mi sono trovato lo scoglio" - Il legale di Schettino, Bruno Leporatti, ha riferito che "il comandante si è trovato lo scoglio davanti al percorso di navigazione". L'avvocato ha riferito la versione espressa dal suo cliente durante l'interrogatorio: una frase che lascia francamente sconcertati. Riguardo al cambio di rotta della Costa Concordia, il legale del comandante ha osservato: "La questione sarà oggetto di valutazione". Ai cronisti che gli chiedevano se Schettino non si fosse reso conto di essersi avvicinato troppo alla costa, Leporatti ha risposto: "L'avvicinamento eccessivo sarà oggetto di rilievi tecnici. Ci sono i dati della scatola nera che saranno esaminati. E' un aspetto che dovremo approfondire".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Madamx

    29 Gennaio 2012 - 15:03

    solo in una parola si può identificare questa persona "GRANDISSIMO COGLIONE"

    Report

    Rispondi

  • roda41

    19 Gennaio 2012 - 13:01

    suo italiano che reputerà da Accademia dei Lincei.Credo sarà orripilato allora,poverino,dagli sgrammaticati incomprensibili e volgari commenti di alcuni lettori e da qualche strafalcione di qualche articolista.Mi spiacerà tanto farle arricciare il naso,nei commenti che riterrò opportuno fare,ma si riprenda.Nel frattempo mi permette di dichiarare nel mio ignorante italiano, tutto il mio cordoglio per ivivi e soprattutto i morti della tragedia? Grazie.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    19 Gennaio 2012 - 12:12

    io non devo scrivere TESTATE giornalistiche ma solo il mio pensare,tuttavia per farla contenta frequenterò l'Accademia dei Lincei e quant'altro avrà frequentato LEI,per esprimere le sue quattro parole.DIMENTICAVO: continuerò a scrivere nel mio pessimo(per lei) italiano perché "basta il pensiero" ora,di estremo sgomento e cordoglio,in questa immane tragedia PER TUTTI.A Libero: spero che pubblichiate la risposta ai soliti insulti degli eccellenti colti nordisti,non obbligandomi ogni volta a chiedervi di pubblicare le risposte anche dei sudisti.Grazie.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    19 Gennaio 2012 - 11:11

    di italiano tranne qualche battuta doppia che non viene ,battendo in fretta e corregga quelli volgari, incomprensibili e illeggibili ,guardando più che alla lezione di italiano che devono avere nella sua prosopopea, al contenuto,cosa per me precipua in un confronto spesso pietoso è da dire,ma all'insegna del libero pensiero anche se in alcuni,distorto e pietoso.Anche in questa occasione,l'Italia ha dato il meglio di sé!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog