Cerca

Parla la moldava di Schettino: "Ero con lui all'impatto"

Domnica Cemortan, 25 anni, è la bionda che inguaia il capitano: "Ero sul concordia, ci ha salvato". E la Costa lo scarica

Parla la moldava di Schettino: "Ero con lui all'impatto"

Domnica Cemortan. Sarebbe lei, una 25enne moldava, la donna bionda che la sera di venerdì 13 gennaio era in plancia con il comandante del Concordia Francesco Schettino pochi istanti prima dello scontro contro lo scoglio all'isola del Giglio. Una mazzata per il comandante della nave il cui naufragio ha provocato 11 morti e 26 dispersi. Anche per questo oggi Costa Crociere ha scaricato definitivamente il comandante, togliendogli la tutela legale, sospendendolo dalle sue funzioni e costituendosi parte offesa nel processo a carico dello stesso Schettino.

Guarda il video su LiberoTv - Il video girato all'interno del relitto dai sommozzatori

La foto - La ragazza, la cui foto a bordo è stata pubblicata in esclusiva dal quotidiano genovese Secolo XIX, era già apparsa in video dopo la sciagura: intervistata da una televisione del suo paese e descritta come "eroina moldava del Concordia", aveva detto che i passeggeri della nave erano stati salvati da Schettino grazie alla manovra successiva allo scontro. Sulla tv della repubblica ex sovietica ha poi spiegato che la sua presenza a in plancia era giustificata dal fatto di essere lei stessa membro dell'equipaggio. In realtà, la Cemortan sarebbe stata sul Concordia "in vacanza" e non in servizio. Il giallo è però dato dalla facoltà per i membri dell'equipaggio di far salire a bordo ospiti e familiari senza l'obbligo di registrarli nel brogliaccio delle presenze. Giallo risolto in un secondo momento, con la conferma da parte della compagnia del suo imbarco regolare a Civitavecchia.

Chi è Domnica - Secondo il quotidiano online romeno Adevarul.md, la misteriosa Domnica, che nel 2009 risultava imbarcata sulla nave Royal Star come ballerina, avrebbe fatto parte fino a poco fa dell'equipaggio della nave ma sarebbe salita sul Concordia in vacanza come regalo di compleanno. Dopo i misteri iniziali sul suo imbarco e sulla sua presenza a bordo, in un primo tempo smentita da Costa Crociere, è stata la stessa compagnia marittima a precisare che l'imbarco è avvenuto regolarmente a Civitavecchia. Alcuni testimoni l'avrebbero descritta come la "donna ombra" di Schettino.

I guai del capitano - Di fatto, però, è un nuovo mistero che grava sul comandante, entrato nel vortice delle polemiche per il suo errore e per la sua (non) gestione dei soccorsi. Un testimone, durante la trasmissione Chi l'ha visto di mercoledì sera su Raitre, ha inoltre raccontato di aver visto il comandante Schettino accompagnato da due ragazze, una bionda e una mora. "A loro mostrava la vetrata del ristorante da cui si intravedeva l'Isola del Giglio. Poi il panico: la luce è andata via, la nave si è inclinata e sono scappati tutti. Non c'era più un ufficiale. Eravamo abbandonati a noi stessi". Il comandante è sposato e sua moglie nei giorni scorsi ha preso le sue difese chiedendo "di comprendere la sua tragedia e il suo dramma umano".

Schettino scaricato - Alla luce di tutti questi particolari, la posizione del comandante rischia di aggravarsi ulteriormente se verrà dimostrato che il capitano non era totalmente concentrato sulla manovra dell'"inchino", una consuetudine marinaresca peraltro smentita dal legale della Compagnia Costa Corciere. "Non ne so nulla", ha detto l'avvocato Marco De Luca, che questa mattina ha presentato alla Procura della Repubblica di Grosseto la costituzione di parte offesa della Costa. La compagnia ha poi annunciato di aver sospeso Schettino precisando però che "non risulta" la presenza della donna moldava in plancia di comando accanto al comandante. Inoltre la Costa Crociere ha deciso di lasciare senza tutela legale il comandante Schettino. Ora il capitano sorrentino è veramente solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    23 Gennaio 2012 - 10:10

    ci si sta chiedendo in nome della giustizia,quali altre responsabilità ci siano,della società armatrice,nell'ambito della nave o che altro e spero che gli investigatori,scoprano come siano andate le cose chiaramente,per una Giustizia che sia tale

    Report

    Rispondi

  • roda41

    23 Gennaio 2012 - 09:09

    al di fuori di prevenzioni e politicismi,ci si pongono varie domande,per cui se emergeranno anche altre responsabilita spero che TUTTI nella vera giustizia,in una cosi grande tragedia,paghino

    Report

    Rispondi

  • roda41

    23 Gennaio 2012 - 00:12

    ma siamo nel campo della magia e infatti,ecco esce fuori oplà il VERO conigliO DAL MAGICO CAPPELLO DELLO....................

    Report

    Rispondi

  • roda41

    22 Gennaio 2012 - 20:08

    non dovrebbero comunque essere registrati e sapere assolutamente, chi sta a bordo?mah!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog