Cerca

Costa, rivolta delle targhette "Non meritiamo solo merda"

Su Facebook la mobilitazione dei dipendenti Costa: "Basta fango addosso a noi. Abbiamo salvato 4mila vite"

Costa, rivolta delle targhette "Non meritiamo solo merda"

 

Le polemiche si concentrano sul comandante Schettino, eroe negativo e simbolo della tragedia della Costa Concordia, il cui relitto che lambisce le coste dell'Isola del Giglio è una macabra fotografia che ogni secondo ci ricorda la sciagura e le vittime. Le accuse coinvolgono anche la società, quella Costa Crociere che "non poteva non sapere". Su Facebook, però, è partita la mobilitazione. I dipendenti di tutto il mondo sono stufi del fango che viene gettato copiosamente sulla loro immagine, sull'immagine dell'equipaggio in senso lato che viene identificato con i concetti di codardia e negligenza. E così, tutti i membri dell'equipaggio 'mondiale' della Costa Crociere stanno cambiando la loro immagine del profilo con quella della loro targhetta dorata di servizio, con nome, cognome e ruolo nella ciurma (nella foto).

"Vorrei rispondere alle idiozie" - Ma non è solo una questione di 'targhetta'. La rabbia è tangibile, e viene riversata sulle bacheche di chi si è mobilitato. Katia è durissima. "Vorrei tanto essere invitata dai vari Giletti, Mentana, Vinci, e da tutti gli altri giornalisti, che senza cognizione di causa , senza aver verificato le loro fonti, e le notizie, scrivono e dicono un sacco di idiozie!!! Vorrei poter rispondere, alla marea di idiozie e falsità che sono state dette!". Katia sbotta: "Abbiamo evacuato, al buio, con la nave piegata su un fianco 4000 persone in meno di due ore!!! Gli incompetenti non sono in grado di fare questo". Quindi la difesa a Schettino: "Non è vero che il Comandante è sceso per primo, io ero sull'ultima lancia, e lui rimasto attaccato alla ringhiera al ponte 3, mentre la nave affondava". Katia poi racconta diversi particolari delle concitate fasi del naufragio, e conclude con orgoglio: "Non vogliamo essere ringraziati, no, abbiamo fatto solo il nostro dovere, ma non vogliamo nemmeno sentire tutte le fesserie, bugie, menzogne, tanto per fare lo scoop, o fare una trasmissione che sono state dette".

"Non meritiamo solo merda" - Dello stesso tenore il commento di Enzo: "Lavorando spesso su Costa Crociere vi dico che stanno facendo una marea di disinformazione... l'incidente poteva essere una vera strage, se sono morte solo 4 persone è perché le procedure sono state eseguite bene. Sto sentendo le interviste dei naufraghi e l'unica cosa che si evince è che i signori ospiti si sono completamente disinteressati del meeting sulla sicurezza che si tiene a inizio crociera, dove viene spiegato accuratamente cosa fare e cosa NON fare in caso di emergenza. La gente non sapeva neanche che i giubbotti salvagente erano nella loro cabina... ma che si aspettano che durante un emergenza vengano presi per mano e accompagnati in scialuppa?". E ancora, Miriam: "Ora basta con i commenti di giornalisti senza pietà...vogliamo e pretendiamo la voce dell'equipaggio, che meriterebbe almeno un riconoscimento...non solamente merda!!!". Giuseppina punta il dito contro delle immagini trasmesse dal Tg1 "di un anno fa e di un'altra nave dove si vedevano tavoli, piatti e gente che venivano sballottati da una parte e dall'altra...ribadisco, erano immagini di altra nave...infatti ho subito telefonato alle varie redazioni e il filmato non è stato più messo in onda". Carola sottolineat: "Onore all'equipaggio della Costa Concordia e solidarietà per l'ignoranza di cui è vittima". Ma i commenti di questo tenore sono infiniti e si moltiplicano con il passare dei minuti.

Il 'manifesto' - L'invito rivolto a tutti i membri dell'equipaggio è ritrovarsi a Genova, "nella città sede della nostra compagnia. LA nostra non è una manifestazione, vuole essere piuttosto una sorta di fiaccolata alla luce del sole. Perché noi ci siamo. Perché noi siamo orgogliosi di essere parte dell'equipaggio di Costa Crociere; per sostenere i nostri colleghi eroi di Costa Concordia; per sostenere i nostri passeggeri coinvolti. L'equipaggio c'è. Perché siamo un gruppo, una famiglia...la famiglia Costa. L'equipaggio c'è...per solidarietà verso le famiglie, verso i passeggeri coinvolti. L'equipaggio c'è...per i nostri colleghi dispersi. L'equipaggio c'è...perché lo vogliamo, perché siamo uniti. Perché l'equipaggio Costa c'è".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • marcolelli3000

    21 Gennaio 2012 - 07:07

    e dalle riprese con camera nascosta girate in navi da crociera simili vengono fuori che gli ufficiali ci provano e ricattano le ragazze che lavorano, se persino un medico giustifica a porta a porta l'aver lasciato la nave mentre c'erano ancora centinaia di passeggeri in pericolo e nessuno dice niente? Nemmeno le donne che lavorano hanno la decenza di denunciare i colleghi che si approfittano delle cameriere? Ma che gente siete? E rispondetemi, cazzo!

    Report

    Rispondi

  • GIANNISCHICCHI

    21 Gennaio 2012 - 07:07

    IO NON PARLO, LUI NON VEDE , LORO NON SENTONO....... questa è la verità, un inchino che gronda sangue, 3o morti per la stupidità di un gesto inutile fatto da una persona irresponsabile controllata da persone incapaci , gestita da persone attente solo al profitto. Ricordiamoci che la Costa è gestita dalla Carnival Società Americana!!!!!!!!!!!!!. Come diceva il grande Giorgio Gaber : .... ma per fortuna o purtroppo lo sono ( Italiano).

    Report

    Rispondi

  • guido.blarzino

    20 Gennaio 2012 - 22:10

    Non avete salvato 4000 persone. Le avete messe in pericolo, e' oggettivamente evidente, non potete lamentarvi . E poi, per una nave passeggeri cosi' costosa con tanto sfarzo , potete aggiungere un somma modesta per il doppio guscio della nave. 4000 persone valgono piu' di un carico di petrolio.

    Report

    Rispondi

  • alvara

    20 Gennaio 2012 - 18:06

    premesso che il capitano e alcuni ufficiali non meritano nessuna attenuante devo però dire che eventuali errori dell'equipaggio derivano dai suoi errori e ritardi.ho fatto due crociere da 15 giorni con costa e ne ho prenotata, e non la disdico, una ad agosto. l'equipaggio è stato sempre impeccabile. è vero che il 40% dei passggeri non si preoccupa di fare l'esercitazione di abbandono nave.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog