Cerca

Lavorava all'Agenzia dell'Entrate, faceva la spesa gratis

Due anni di reclusione per l'uomo che induceva i negozianti a consegnargli la merce minacciando ed eseguendo controlli fiscali

Lavorava all'Agenzia dell'Entrate, faceva la spesa gratis

Faceva la spesa gratis in una panetteria di corso Racconigi, a Torino, tutti i giorni. Pane, grissini e torte dal 2007 a maggio 2011. Il sabato al resto si aggiungeva anche la torta, all'ananas d'estate e di mele d'inverno. Qualche volta mangiava la pizza gratis in una trattoria del quartiere. Pasticcini e gelato in omaggio in altri locali della zona.Si tratta di un dipendente 58enne dell'Agenzia delle entrate che alla fine di maggio dell'anno scorso era stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Mirafiori con la sacca in mano, piena di prodotti da forno. Era accusato di concussione continuata. Le manette erano scattate in flagranza di reato, l'ultimo della lunga serie che gli veniva contestata.
Abusando dei poteri inerenti la propria funzione di polizia tributaria induceva gli esercenti di quattro negozi a consegnargli quotidianamente varia merce alimentare senza corrispondere mai il prezzo dei beni, minacciando e talvolta eseguendo personalmente, in caso di rifiuto, approfonditi controlli fiscali. Per incastrarlo i carabinieri avevano filmato le sue incursioni quotidiane, in genere a ridosso della chiusura serale. Dopo l'arresto il gip aveva ammesso l'uomo ai domiciliari, nella sua casa di Grugliasco. Ora è arrivata la sentenza del tribunale di Torino: due anni di reclusione. L'ex funzionario ha usufruito delle attenuanti generiche e prima del giudizio ha riparato interamente e spontaneamente al danno procurato alle vittime rimborsando l'intera cifra non corrisposta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    23 Gennaio 2012 - 18:06

    quello di Bergamo con la porsche beccato venti giorni fa non era terun; come non lo è quello di Padova che ha rubato i contributi dei suoi 350!!! dipendenti ed ha evaso uno strafondo di tasse (vedi articolo a fianco); come quei veneti con la vendita di un terreno per 6 milioni ed hanno dichiarato 6 euro! come quelli del comparto oro e pellami del Vicentino, evasori per 500 milioni; come quelli di Milano, Como, Pavia; come Tanzi della Parmalat (non Napolilat); come don Verzè; come quelli di Cortina e via nordevadendo

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    23 Gennaio 2012 - 14:02

    ecco perchè in Italia delinquere conviene sempre, non a caso attiriamo feccia anche dall'estero, come se la nostra non ci bastasse.

    Report

    Rispondi

  • giudrago

    23 Gennaio 2012 - 13:01

    Bisognerebbe subito togliere l'art. 18 e considerare con serietà le denuncie dei cittadini. Allora, credo che tutto potrebbe ripartire.

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    23 Gennaio 2012 - 10:10

    Questi signori sono i dipendenti dello stato italiano e lo stato italiano è il popolo. Ora il popolo vuole giustizia seria e non attenuanti rimborso del mal tolto, arresti domiciliari. No carcere come un delinquente incallito perché visto il lungo tempo che faceva queste cose è un delinquente incallito. E noi dovremmo aver fiducia in Equitalia agenzia delle entrate ecc. No son ladri

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog