Cerca

Striscione dei tifosi del Napoli: "Schettino siamo con te"

La scritta, firmata dal club di Meta di Sorrento, è apparsa prima della partita con il Siena. I compaesani: "E' un eroe"

Striscione dei tifosi del Napoli: "Schettino siamo con te"

"Comandante Schettino siamo con te". Lo sconcertante striscione è apparso domenica 22 gennaio nel settore ospiti dello stadio Artemio Franchi - Montepaschi Arena, prima dell'inizio della partita di Serie A tra Siena e Napoli. La discussa scritta è firmata  dal club Napoli Meta, paese d'origine del comandante della nave da crocieca incagliatasi all'Isola del Giglio. Non sono i  primi attestati di fiducia che Schettino riceve. Nel suo paese natale, Meta di Sorrento, gli abitanti lo avevano accolto come se fosse un eroe. Anche lì erano apparsi striscioni in sostegno del comandante. "E' una brava persona, un marinaio esperto, un bravo
comandante" avevano detto alcuni paesani. L'assessore al bilancio del Comune di Meta di Sorrento, Giuseppe Tito lo aveva addirittura definito "un eroe che ha salvato oltre 4000 persone".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mann222

    24 Febbraio 2012 - 13:01

    Un commento a riguardo quanto letto su uno striscione sugli spalti di Siena Napoli che faceva riferimento al comportamento a dir loro (eroico) del comandante Schiettino. Non si finisce mai di stupirsi dell'ignoranza della gente, primo perché il suo é stato un comportamento da verme percui i suoi compaesani hanno poco di cui gioire, secondo si é vero in questo paese il merito puo' andare a farsi fottere perché basta essere compaesani per issare un verme nel ruolo di eroe, ma questo in un paese come l' Italia é una cosa scontata il clientelismo sorpassa ogni ostacolo basta essere amico paesano o parente per farsi che si cambino le carte in tavola. Dovrebbero vergognarsi tutti coloro che solo per il fatto d'essere paesani del comandante assumino un simile comportamento, é da veri ignoranti idioti. commento di Giovanni Vitale

    Report

    Rispondi

  • Colline di Maremma

    25 Gennaio 2012 - 09:09

    Sig. Raucher, non so lei, ma io prima di scrivere o parlare precipitosamente, faccio sovente ricorso al dizionario della lingua italiana. Ebbene al termine eroe i maggiori testi riportano all'unisono la seguente definizione: L'eroe, nell'era moderna, è colui che, animato da una non comune probità, compie uno straordinario e generoso atto di coraggio allo scopo di proteggere il bene altrui o comune. Chi dà prova di grande coraggio militare o civile. Mi dica ora lei, sig. Raucher, se pensa che il comandante Eugenio De Falco sia un comune lavoratore oppure meriti il suddetto aggettivo ?

    Report

    Rispondi

  • raucher

    24 Gennaio 2012 - 18:06

    Mi scusi , ma vedere un eroe in De Falco mi pare quantomeno esagerato , ha solo fatto il suo lavoro. Oggi diventano eroi quelli che lavorano? Siamo messi proprio bene . Un pò di confusione ?

    Report

    Rispondi

  • roda41

    24 Gennaio 2012 - 14:02

    tra apoteosi di lati B leccaB e Va a...........e altre infinite nobili espressioni.Ma i terroni,siamo noi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog