Cerca

Elsa: non sono come Schettino

Il ministro del Welfare: sull'articolo 18 mi fermo dove dice Monti. Non ho intenzione di spaccare i sindacati, ma bisogna far presto

Elsa: non sono come Schettino

L'aveva già detto Mario Monti a Fabio Fazio. Oggi lo ripete anche il ministro Elsa Fornero: "Non bisogna avere tabù. Perché l'Europa ci impone vincoli forti. Ma io so dove fermarmi, di certo non andrò a sbattere come il comandante Schettino. E comunque non scenderò mai dalla nave". In un'intervista a Repubblica ìil ministro Elsa Fornero spiega la sua idea di riforma del lavoro. Precisa che non ha nessuna intenzione di "rompere" con i sindacati. E sull'articolo 18 dice: "Bisogna costruire soluzioni condivise" anche se ripete che la sua idea di riforma del lavoro è molto più decisa rispetto agli schemi ipotizzati. "La licenziabilità entro tre anni? Se possibile io saròpiù radicale". E sull'articolo 18 sembra determinata: "Mi fermerò solo dove me lo chiede Monti". L'esigenza è quella di far presto, accelerare, incassare il risultato, anche se l'obiettivo resta quello di non spaccare il sindacato. "Non ho mai avuto la tentazione di dividere i sindacati. Perché dovrei andare avanti senza la Cgil? Io ascolto tutti e poi si decide".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • capitanuncino

    25 Gennaio 2012 - 10:10

    Questa è peggio.

    Report

    Rispondi

  • paolino pierino

    24 Gennaio 2012 - 15:03

    Riprovevole la Signora Fornero si fa per dire Signora meglio sarebbe in romagnolo"bagaglia" da nessuno votata solo nominata con un giochetto sporco da un ribaltonista antidemocratico che oggi ricordo,facendo una sceneggiata lacrimevole da psicopatica ,è ministro del lavoro al soldo di un dittatore pure lui prof.e solo nominato dallo stesso ribaltonista Noto la signorilità della donnetta nell'accusare un uomo che è pur sempre un capitano di marina al quale dice di non voler assomigliare senza ancora conoscere tutta la verità.La certezza è che questa banda di tecnici pieni di conflitti di interessi, la maggior parte di loro ha un passato riprovevole,ad oggi hanno solo tosato i cittadini con tasse tasse e tasse hanno preparato un avvenire tragico per i pensionati e per i nostri figli non toccheranno mai i loro poteri forti,le loro tantissime ruberie,le massonerie le mafie le banche ecc.In parole povere sono una banda di gentaglia che fa solo vomitare con o senza art 18

    Report

    Rispondi

  • 44carlomaria

    24 Gennaio 2012 - 14:02

    Berlusconi aveva delle veline giovani e procaci, laureate ed intelligenti, qualcuna ha anche fatto delle buone rivoluzioni sull'insegnam. Monti d'Azzate ha le veline stagionate, laureate ma professoresse o giudici che hanno contribuito con molto impegno allo sfascio dell'Italia! Asvedommia

    Report

    Rispondi

  • samuel80

    24 Gennaio 2012 - 14:02

    Massimo disprezzo per un Ministro che, per incipriarsi il naso, prende in prestito le disgrazie altrui (tutte ancora da dimostrare fra l'altro). Non le è bastata la sceneggiata delle fasulle lacrime? Lasci stare Schettino e mostri la farina del suo sacco....se ne ha!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog