Cerca

Sciopero Tir: frutta alle stelle

Minacciavano i camionisti che volevano entrare in A14. Finiti i presidi ai caselli autostradali, ma continuano a scarseggiare alimentari e carburanti

Sciopero Tir: frutta alle stelle

Come annunciato dal ministro dell'Interno Cancellieri nei giorni scorsi, è scattata la linea dura nei confronti degli autotrasportatori che per giorni hanno bloccato le principali arterie nazionali, da nord a sud. E nella tarda serata di ieri la polizia stradale ha sottoposto a fermo ad Andria in Puglia quattro autotrasportatori con le accuse di violenza privata aggravata e continuata nei pressi del casello autostradale di Andria dove sono in corso blocchi in entrata dell'A14 da quattro giorni. Due Tir sono stati costretti a fermarsi da persone a bordo di due autovetture di grossa cilindrata, una delle quali, mettendosi di traverso, ha bloccato la strada. Le persone a bordo delle vetture avrebbero minacciato gli autisti dei Tir, intimando loro di non proseguire. Ma i conducenti degli autotreni hanno chiamato il 113: sono quindi giunte pattuglie della polizia stradale, che hanno bloccato una delle due auto: a bordo c'erano quattro persone, identificate e risultate autotrasportatori della zona.

Intanto, dopo l'apertura del ministro dello Sviluppo Passera che ha annunciato "sconti" ai caselli per 170 milioni di euro e il rimborso delle accise sul gasolio per gli autotrasportatori, la situazione è ormai tornata pressochè alla normalità, con la fine di tutti i blocchi sulle autostrade. I quattro giorni di blocchi, però, hanno messo in crisi la distribuzione delle merci e soprattutto degli alimentari anche nelle grandi città Ripercussioni anche per gli allevatori e gli agricoltori, che sono stati costretti a gettare tonnellate di latte, frutta e verdura deperibili.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sdavids

    26 Gennaio 2012 - 18:06

    TRASPORTATORI NON MOLLATE LA PRESA.

    Report

    Rispondi

  • delfino47

    26 Gennaio 2012 - 12:12

    Gran brutta aria tira nel Paese, i politici scomparsi e Voi giornalisti vi occupate dell'arredatrice che piace a Fini o della bionda che era a Ballarò. Mah !

    Report

    Rispondi

  • mat972

    26 Gennaio 2012 - 11:11

    Ma cosa ancora si aspetta prima di adottare misure severe contro questi delinquenti che con tattita mafiosa impediscono agli autotrasportatori di poter lavorare. Il paese è ormai in pugno di questi pochi facinorosi ed il governo inetto sta aspettando chissà cosa. Si mandi la polizia a togliere i blocchi, si sequestrino i mezzi che ostruiscono le strade , si tolga la patente a chi commette violenze e minacce e si elevino sostanziose ammende quale almeno parziale rifusione dei danni subiti da industrie e cittadini a caua dei blocchi illegali. La legge deve valere per tutti, non ci possono essere aree di impunità, sennò si scivola nell' anarchia e nel caos sociale, ormai questi , per i danni che stanno facendo, devono essere considerati alla stregua di terroristi!

    Report

    Rispondi

  • roda41

    26 Gennaio 2012 - 11:11

    Questo governo ci ha portati allo sfascio!!!! Sborsiamo, fino a quando faremo i pendolari a chiedere l'elemosina nelle nazioni limitrofe!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog