Cerca

Prete "Sono in ritiro". Ma era sulla Concordia... Diceva del Cav: "Immorale". Leggi la lettera

Don Massimo Donghi pizzicato su Facebook: lo inchioda un post della nipote. Scriveva missive al vetriolo su Berlusconi

Prete "Sono in ritiro". Ma era sulla Concordia... Diceva del Cav: "Immorale". Leggi la lettera

"Vado in ritiro", aveva spiegato sul web. Invece il prete era sulla Costa Concordia affondata all'Isola del Giglio. Una storia tragicomica quella di don Massimo Donghi, che dice di chiudersi in preghiera eppure va su un gigante del mare tutto luci, comfort e divertimento. Una storia tragicomica resa ancor più grottesca dal fatto che il Don, nel 2010, si vide pubblicare una lettera da Famiglia Cristiana, una missiva nella quale si scagliava contro i "vizi" e "l'immoralità" del governo, ovvero di Silvio Berlusconi.

Beccato su Facebook - Don Massimo, responsabile per la zona di Besana Brianza degli oratori, della catechesi e dell'Unione pastorale giovanile, è stato pizzicato sul web. L'incidente del Giglio, infatti, ha svelato che il sacerdote non si trovava in nessun ritiro: era a bordo della Concordia insieme ai familiari più intimi. Ad incastrarlo è stato un post della nipote su Facebook: la notte del naufragio la giovane si è salvata, e appena giunta a riva ha rassicurato i parenti (online), spiegando che era riuscita a raggiungere le scialuppe di salvataggio insieme alla nonna. E allo zio, appunto, don Max. I parrocchiani di Besana Brianza, per inciso, non hanno gradito: ora chiedono chiarimenti.

La lettera anti-Cav - Qualche chiarimento, infine, potrebbe chiederlo anche Silvio Berlusconi, additato nella missiva che segue, pubblicata il 10 novembre del 2010, come la causa di tutti i mali italiani. Ma come, farsi fare la ramanzina da un prete che finge un ritiro spirituale e poi va in crociera? Ecco la lettera:

Come cittadino, educatore e insegnante, e non da ultimo come “prete d’oratorio” che vive tutti i giorni a contatto con ragazzi, adolescenti e giovani, ancora una volta rimango davvero “sconcertato”. Mi lascia sempre più perplesso la mancanza di dignità, sobrietà di comportamento e di “stile” in chi ha “giustamente” il diritto di guidare e servire il nostro Paese, ma anche il dovere di farlo con profondo rispetto del ruolo istituzionale che occupa. Vivo, in questo periodo, due stati d’animo  contrastanti: da una parte, l’entusiasmo e la soddisfazione per la scelta dei nostri vescovi di puntare, per il prossimo decennio, sul tema dell’educazione (Educare alla vita buona del Vangelo); e dall’altra, una profonda insofferenza nel constatare, nei comportamenti di chi “democraticamente” ci governa e ci rappresenta, una costante doppiezza tra vita pubblica e vita privata, tra impegni istituzionali e vizi domestici, tra sorrisi pacifici e occulti complotti. Mi è difficile continuare a lasciar passare, a sdrammatizzare, a distogliere l’attenzione, a non “giudicare”. Credo che “educare alla vita buona del angelo” voglia anche dire farlo con libertà, rispetto e chiarezza. Ringrazio Famiglia Cristiana per questa “chiarezza”, che fa nel rispetto!

di don Massimo Donghi
da Famiglia cristiana del 10 novembre 2010

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giacomorossi.1

    17 Dicembre 2014 - 18:06

    si predica bene...... ma si razzola male

    Report

    Rispondi

  • brunom

    03 Febbraio 2012 - 06:06

    dove ci sono le pecorelle ci vuole il buon pastore. Speriamo che pubblichi le foto su facebook.

    Report

    Rispondi

  • gattoeuclide

    02 Febbraio 2012 - 21:09

    Non mi è chiaro perché se un prete va in crociera con la famiglia è "ipocrita", "satiro" "co......", ecc. mentre se tutto questo lo fa un Presidente del consiglio va benissimo. I servili ipocriti, falsi e farisaici siete voi, lui è solo un povero ingenuo, impaurito dai pettegolezzi dei paesani provinciali e bigotti.

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    02 Febbraio 2012 - 19:07

    Non so se avete ascoltato quello che ha detto uno della sua diocesi. "A pensare che il don, ha chiesto un aiuto economico dai parrocchiani per andare ai ritiri spirituali". E le solite bizzoche/i, hanno dato il loro generoso contributo. E così il presbitero si è imbarcato per una spensierata crociera,tra frizzi e lazzi,al seguito di alcuni famigli. "Ch'assolver non si può chi non si pente,né pentere e volere insieme puossi per la contraddizion che nol consente". Ed il nostro è caduto in profonda contraddizione e non si pente nemmeno. Lo ha dimostrato quando Staffelli è andato per consegnargli il "tapiro di gelo",tutto bianco. Nemmeno ha detto,ho sbagliato. Quello che avvantaggia i presbiteri è il fatto che quando fanno omelie molte delle quali,sociali, nessuno può intervenire. Parlano bellamente ex cathedra e pensano di avere sempre ragione. In questo caso dovrebbe intervenire un parrocchiano e dire la sua omelia in chiesa,riguardo al caso.Ci vorrebbe il contraddittorio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog